Venerd' 28 maggio alle 20.45 nell'ex chiesa di San Francesco

Vivica Genaux ai concerti
per “Le giornate del Tiepolo”

La celebre mezzosoprano statunitense impegnata in un programma
sul "Teatro barocco al tempo di Giovan Battista Tiepolo".
Orchestra "Collegium Apollineum" diretta dal Maestro Marco Feruglio

L’estasi, il sublime, gli umani affetti tradotti in arie di furore, patetiche, di sgomento, di attesa – in una parola il “Meraviglioso”- è quanto anima il Teatro Barocco. Composizioni che toccano i punti più estremi della tessitura e delle dinamiche vocali, musica costruita con ardite articolazioni e poi con trilli, ornamentazioni e variazioni nei da capo impervie e spettacolari,

musica scritta per cantanti dallo straordinario virtuosismo che con artefatta disinvoltura irridevano ogni difficoltà. E’ Teatro musicale progettato per stupire e soggiogare il pubblico del tempo ma che ancora oggi, grazie alla rinata specializzazione e alla bravura degli interpreti moderni, coinvolge ed entusiasma l’ascoltatore contemporaneo.

Il programma di questo concerto propone un florilegio di eccezionali brani vocali e sinfonici tratti dalle opere dei principali esponenti del teatro barocco, Antonio Vivaldi e Georg Friederich Handel. Assieme a questi, un brano composto da Riccardo Broschi per suo fratello Carlo, il celebre “Farinelli”, il più famoso cantante evirato della storia, ed un brano sinfonico di Bartolomeo Cordans, l’illustre esponente della vita musicale udinese negli anni di Tiepolo, il cui manoscritto, trascritto appositamente per questo programma, è gelosamente custodito e conservato negli Archivi del Palazzo Arcivescovile di Udine.

Protagonista di questa spettacolare esibizione per le Giornate del Tiepolo, la carismatica ed accattivante Vivica Genaux, mezzosoprano statunitense nativa dell’Alaska, oggetto di costanti lodi per le sue straordinarie esibizioni su tutti i grandi palcoscenici del mondo. Vivica Genaux è ormai riconosciuta come un’autentica Star della musica barocca e del bel canto, anche grazie alla sua volontà di approfondire sempre di più l’interesse per l’interpretazione di un repertorio sempre più apprezzato dal pubblico.
Viene dall’Alaska ma parla un italiano perfetto, con un leggero accento veneto. Già, perché Vivica Genaux, mezzosoprano da Fairbansk, vive da alcuni anni in Italia e ha studiato canto con Virginia Zeani, Nicola Rossi Lemeni e Claudia Pinza (la figlia di Ezio Pinza). L’italiano poi è la lingua del suo repertorio: ovvero il Barocco e Rossini. Proprio l’opera rossiniana è quella del suo debutto, nel 1994 a Milwaukee. I suoi genitori, in Alaska, amavano la musica: il padre ascoltava Bruckner, la mamma le faceva sentire per radio le opere dal Metropolitan. Lei ha una bella voce, è intonata, studia canto ma non pensa che quella bella passione possa diventare la sua vita, così studia genetica, ma poi capisce che quella non è la sua strada e il canto vince. Rossini, Donizetti; poi arrivano i successi con Hasse, Haendel, Vivaldi e le collaborazioni con direttori come Jacobs, Curtis, Rousset, Biondi.”Il complimento più bello che abbia mai ricevuto? Quello di una collega alla City Opera: «La sua voce è cioccolata calda».

Con Vivica Genaux, diretto da Marco Feruglio, il Collegium Apollineum, un’orchestra di strumenti originali da lui stesso fondata, che di recente si è imposta all’attenzione del pubblico dopo essere stata scelta dalla Direzione Artistica di RAI Radio 3 per il concerto in diretta Euroradio dal Palazzo al Quirinale a Roma in occasione delle celebrazioni dell’anniversario di G.F.Handel, e per l’incisione di un doppio cd monografico per Classic Voice ancora dedicato al grande compositore tedesco.