[:it]Il parco sarà intitolato alle “Vittime delle foibe”[:fu]Il parc al sarà intitulât aes “Vitimis des foibis”

Via Bertaldia, ultimi lavori
per completare l’area verdeVie Bertaldia, ultins lavôrs
par completâ la aree verde

[:it]Approvata una variante al progetto per migliorare
le reti tecnologiche, il sistema di illuminazione e i percorsi pedonali[:fu]Aprovade une variante al progjet par miorâ
lis rêts tecnologjichis, il sisteme di iluminazion e i percors pedonâi

In vista dei lavori residui di completamento del nuovo parco di via Bertaldia, la giunta ha approvato una variante al progetto che introduce una serie di migliorie all’intervento di recupero dell’area verde. Le modifiche al progetto originario,

In prevision dai lavôrs  par completâ il gnûf parc di vie Bertaldia, la zonte e à aprovât une variante al progjet che al introdûs une serie di mioraments al intervent di recupar de aree verde. Lis modificazions al progjet origjinari, che si tradusin intune spese di plui o mancul 20.000 euros inte suaze economiche, a rivuardin in particolâr lis rêts tecnologjichis, il sisteme di iluminazion e i percors pedonâi internis al parc. Su domande de Amga a son stâts potenziâts sedi i ponts lûs sedi lis rêts tecnologjichis. Cun di plui, par adeguâ ducj i percors pedonâi e lis pussibilitâts di acès ancje aes personis disabilis si à sielzût une pavimentazion uniforme e omogjenie par dute la aree.
Aromai a mancjin pocjis setemanis al recupar complet dal parc: si spiete che a sedin finîts i ultins lavôrs e che e cressi la jerbe. “E je une opare che i citadins a spietint di une vore di timp – e sotlinee la assessore Malisani –. Cun chest intervent o lin indevant cul recupar di une aree in abandon dal dopovuere, riconsegnant ae citât un spazi pal timp libar e pe socializazion a disposizion di ducj i residents e rivitalizant un polmon vert intun cuartîr che al à pardabon bisugne”.

Cemût che al è stât concuardât cul consei diretîf de associazion Venezia Giulia-Dalmazia, la aree verde e deventarà il parc “Vitimis des foibis”. La intitolazion e vignarà fate in ocasion de cerimonie di scree de aree, dulà che al cjatarà puest ancje un monument a ricuart di dutis lis vitimis de storie e de vuere. Il progjet al puartarà ae realizazion di une aree verde di cuasi 2.800 metris cuadris, colegade cun percors pedonâi al gnûf parc costruît dulintor. Il progjet, cuviert dal dut cun fonts comunâi, al domande un invistiment par 900.000 euros complessîfs.

La plui part de superficie disponibile e sarà cjapade di un prât di jerbe a pene in cleve, e je previodude ancje la realizazion di une plaçute circolâr pavimentade cun lastris e cubui di reule e contornade par metât dal perimetri di une sente di muradure. La aree, che e varà un implant di iluminazion, fontanutis par bevi, bancjutis e altris furniments, e sarà completade cuntune aree pai zûcs dai fruts. L’intervent al previôt ancje il potenziament dal patrimoni vegjetâl, cul implant di arbui ornamentâi preseâts, sedi simpriverts sedi cun fueis che a colin, e di un filâr di arbossits  denant di vie Manzini.

che si traducono in una spesa di circa 20 mila euro entro il quadro economico, riguardano in particolare le reti tecnologiche, il sistema di illuminazione e i percorsi pedonali interni al parco. Su richiesta dell’Amga sono stati potenziati sia i punti luce sia le reti tecnologiche. Inoltre, per adeguare tutti i percorsi pedonali e le possibilità di accesso anche alle persone diversamente abili si è optato per una pavimentazione uniforme e omogenea per tutta l’area.

Con l’ultimazione degli ultimi lavori mancano ormai poche settimane al completo recupero del parco, per il quale si sta attendendo la crescita dell’erba. “È un’opera attesa da moltissimo tempo dai cittadini – sottolinea Malisani –. Con questo intervento procediamo con il recupero di un’area in stato di abbandono dal lontano dopoguerra, riconsegnando alla città uno spazio per il tempo libero e la socializzazione a disposizione di tutti i residenti e rivitalizzando un polmone verde in un quartiere che ne ha veramente bisogno”.

Come concordato con il consiglio direttivo dell’associazione Venezia Giulia-Dalmazia l’area verde diventerà parco “Vittime delle foibe”. L’intitolazione. avverrà nel corso della cerimonia inaugurale dell’area, dove troverà posto anche un monumento a ricordo di tutte le vittime della storia e della guerra. Il progetto porterà a compimento la realizzazione di un’area verde di quasi 2.800 metri quadrati, collegata con percorsi pedonali al nuovo parcheggio costruito nei pressi. Il progetto, coperto interamente con fondi comunali, richiede un investimento per complessivi 900 mila euro.

La maggior parte della superficie disponibile sarà occupata da un prato erborato leggermente in declivio, mentre è prevista la realizzazione di una piazzetta circolare pavimentata in lastre e cubetti di porfido e contornata per metà del perimetro da una seduta in muratura. L’area, che sarà dotata di impianto di illuminazione, fontanelle per abbeverarsi, panchine e altri arredi, sarà completata da un’area giochi attrezzata per i bambini. L’intervento prevede inoltre il potenziamento del patrimonio vegetale, con la piantumazione di alberi ornamentali di pregio, sia sempreverdi sia a foglia caduca, e di un filare di alberelli che osteggerà via Manzini.