Venerdì 2 marzo alle 18 in sala Ajace

Un volume dedicato
a Renzo Valente

Sarà presentato “E niente drammi umidi. Lettere alla madre
dalla Libia”, volume dedicato al giornalista e scrittore udinese

Sarà presentato venerdì 2 marzo alle 18 in sala AjaceE niente drammi umidi. Lettere alla madre dalla Libia (1941-1942)” il volume dedicato a Renzo Valente, a cura di Francesca Tamburlini ed edito da Lithostampa. Interverranno Luigi Reitani, assessore alla Cultura del Comune di Udine, Andrea Filippi, direttore del Messaggero Veneto, Piero Zanfagnini, Mario Blasoni, Paolo Medeossi e Francesca Tamburlini. Per l’occasione sarà proiettato il video “Ricordi di una piazza. Firmato: Renzo Valente”, a cura di Marco Rossitti. A conclusione del programma Paolo Patui leggerà alcuni brani del libro.

Le lettere sono il racconto dei dodici mesi trascorsi in Africa, durante la Seconda Guerra Mondiale, dal venticinquenne aviere Renzo Valente. Da questo epistolario, conservato nella biblioteca Civica di Udine, emergono già il carattere e lo stile che lo renderanno noto negli anni successivi ai lettori di giornali e riviste friulane e, soprattutto, dei volumi “Udine 16 millimetri” e “Udine, un paese col tram”.

Nei suoi libri, che ritraggono la vita e i personaggi udinesi a partire dagli anni Trenta fino quasi alla fine degli anni Novanta, Renzo Valente è riuscito a fissare nella memoria della città, alternando malinconia, ironia e spesso autoironia, un periodo altrimenti dimenticato, da lui presentato e rivissuto con la sua particolare lingua, intrisa di frasi e parole del – sempre meno usato oggi – dialetto udinese. Il volume sarà messo in vendita da sabato 3 marzo (per due settimane) in edicola, in abbinamento con il Messaggero Veneto.