L’esposizione sarà inaugurata
venerdì 30 settembre alle 18

Un secolo di Uoei in mostra
alla Galleria Tina Modotti

Un percorso fotografico per ricordare il secolo dalla fondazione
nazionale del sodalizio e i 90 dalla nascita della sezione udinese

Era il 29 giugno del 1911 quando Ettore Boschi, un appassionato di montagna, volle fare  della sua passione  un mezzo di elevazione morale per la “povera gente”. E fu proprio in montagna, su una vetta a 1432 metri del gruppo del Resegone, il Monte Tesoro, che con un ristretto numero di amici Boschi scrisse lo statuto della futura Unione Operaia Escursionisti Italiani, all’insegna del programma “Per il monte, contro l’alcool” e ne dichiarava costituita la prima sezione, quella di Monza (all’epoca dilagava infatti tra la popolazione di ceto basso la piaga dell’alcoolismo).

A cento anni dalla fondazione dell’Uoei e a novant’anni dalla nascita della sezione di Udine intitolata a Giovanni Cantoni, la sezione udinese del sodalizio organizza ora alcuni eventi per celebrare questo doppio anniversario. Un programma messo a punto in collaborazione con i Civici Musei del Comune di Udine.

Ed è in questo contesto che sarà inaugurata al pubblico venerdì 30 settembre alle 18 una mostra fotografica nella Galleria “Tina Modotti” di Udine (ex mercato del pesce). Un percorso di immagini e documenti lungo la storia dell’associazione.

L’Uoei, come scritto sullo statuto, è una libera associazione nazionale, apartitica, di persone ed enti, articolata in sezioni, il cui scopo è quello di elevare moralmente e intellettualmente l’uomo attraverso il contatto con la natura, la sua conoscenza e la sua salvaguardia. Ma tra gli scopi dell’Uoei c’è anche l’incremento della conoscenza dell’arte, del folclore e di ogni espressione della cultura popolare. Dal 1955 la sezione Uoei di Udine pubblica anche un mensile (ora diventato bimestrale): Stelutis Alpinis, diretto da Enzo Driussi.

L’esposizione, aperta ad ingresso libero fino al 16 ottobre, sarà visitabile da martedì a venerdì dalle 15.00 alle 18.00, sabato e domenica dalle 10.30 alle 12.30 e dalle 15.00 alle 18.00.



Tags: