Venerdì 24 agosto alle 21
in corte Morpurgo

UdinEstate: confronto Honsell-Reitani
su “Matematica e Letteratura”

Il sindaco-matematico e l’assessore-letterato si confronteranno dando fondo alle proprie
esperienze e citando, nelle loro riflessioni, le parole di scrittori, autori, poeti e studiosi

Atteso appuntamento per venerdì 24 agosto alle 21 in corte Morpurgo, quando per UdinEstate il sindaco Furio Honsell e l’assessore alla Cultura Luigi Reitani intratterranno il pubblico sul tema “Matematica e Letteratura”. Un argomento che è stato spesso oggetto di aspre polemiche circa la superiorità dell’uno o dell’altra, ma che in questi ultimi anni si sono riavvicinati proprio per certe neanche tanto nascoste affinità tra i due ambiti della conoscenza e della coscienza umana. Scrittori che hanno avuto per oggetto del loro narrare argomenti di tipo scientifico e scienziati che si sono impegnati a sottolineare quanto unisce i due contesti, soprattutto sotto l’aspetto della creatività che è simile e indispensabile ad entrambi.

Una tesi sostenuta anche da una poetessa come il premio Nobel Wieslawa Szymborska che è arrivata a scrivere “Non ho difficoltà a immaginare un’antologia dei più bei frammenti della poesia mondiale in cui trovasse posto anche il teorema di Pitagora. Perché no? Lì c’é quella folgorazione che è connaturata alla grande poesia, e una forma sapientemente ridotta ai termini indispensabili, e una grazia che non a tutti i poeti è stata concessa”. La letteratura centra l’attenzione sull’uomo. La matematica, invece, sembra occuparsi di un mondo, se non inumano, almeno non umano. È dunque quantomeno sorprendente che queste due attività del pensiero possano avere connessioni di qualunque genere. Esse sono, invece, legate da una fitta, seppure impalpabile, rete di echi, rimandi e corrispondenze. Tanto nei capolavori letterari quanto nelle opere dei grandi matematici rimaniamo affascinati sia dalla forza inventiva degli autori, sia dall’eleganza e dal rigore dell’architettura. La creazione letteraria e quella matematica – che sono entrambe da considerare, in maniera diversa, manifestazioni dell’intelligenza linguistica di Homo sapiens – sembrano quasi scaturire dalla tensione essenziale che si innesca tra la libertà, apparentemente infinita, di invenzione, composizione, variazione e le limitazioni imposte dai vincoli formali e strutturali.

Il matematico Honsell e il letterato Reitani si confronteranno così dando fondo a tutte le proprie esperienze e affidandosi, oltre che alle loro riflessioni, alle parole di scrittori, autori, poeti e studiosi per dimostrare che tra i due ambiti ci sono straordinarie affinità. L’incontro sarà accompagnato musicalmente da alcune pagine di Bach, tra i migliori esempi di matematica applicata alla musica. Lo spettacolo è a ingresso libero fino a esaurimento dei posti disponibili.