Giovedì 2 giugno alle 17.30
in via Benedetto Cairoli 4

Udine ricorda
Giovanni, Luigi e Alberto Cosattini

L’amministrazione comunale inaugura una targa a ricordo
di tre illustri protagonisti della storia politica e civile di Udine

Giovanni Cosattini, deputato socialista, sindaco di Udine liberata e tra i padri della Costituzione. Luigi Cosattini, giurista, deportato e vittima della barbarie nazista, Alberto Cosattini, dirigente nazionale della Resistenza, avvocato di parte civile nel processo per i crimini della Risiera di San Sabba. Tre illustri protagonisti della storia politica e civile di Udine che giovedì 2 giugno alle 17.30 saranno celebrati con lo scoprimento di una targa commemorativa apposta in via Benedetto Cairoli 4, residenza storica della famiglia messa a soqquadro dalle milizie fasciste durante il Ventennio. “Ciascuno dei membri di questa famiglia rappresenta uno straordinario patrimonio di storia e di valori – sottolinea il sindaco di Udine Furio Honsell –. È un onore e un dovere ricordare tre illustri cittadini udinesi che tanto hanno saputo dare non solo a Udine, ma all’Italia intera”.

L’iscrizione, che l’amministrazione comunale ha voluto dedicare ai tre rappresentanti della famiglia Cosattini e a un luogo della memoria storica udinese, sarà inaugurata nel giorno della festa della Repubblica, con gli interventi del sindaco Honsell e di Piero Zanfagnini, già primo cittadino del capoluogo friulano. Una ricorrenza legata alla figura di Giovanni Cosattini, deputato socialista con Matteotti, componente del Comitato di liberazione nazionale provinciale di Udine dopo l’8 settembre 1943 e soprattutto tra i padri fondatori della Costituzione italiana. Nel dopoguerra infatti fu nominato membro della Consulta nazionale dal governo in rappresentanza del Partito socialista di unità proletaria, per poi essere eletto all’Assemblea costituente. Fu anche sindaco di Udine dal 1945 al 1948, gli anni della ricostruzione.

Alla lotta partigiana contro il nazifascismo parteciparono anche i due figli di Giovanni: Luigi, nato nel 1913 e morto nel 1945 nel lager di Buchenwald, e Alberto, nato nel 1916 e segretario di Ferruccio Parri. Entrambi furono azionisti e aderenti alle formazioni di Giustizia e Libertà.



Tags: