Il capoluogo friulano punta a promuovere una cultura
della salute e della prevenzione dei rischi legati all’alcol

Udine aderisce
alla Carta europea sull’alcol

Tra le iniziative già avviate dal Comune c’è “Lucidamente”, un progetto per la
prevenzione delle dipendenze e dell’abuso di alcol tra i giovani in ambito sportivo

Un piano d’azione per promuovere la cultura della salute soprattutto tra i giovani prevenendo i rischi legati al consumo di alcol a tutti i livelli. È quanto si propone il Comune di Udine aderendo alla Carta europea sull’alcol, il documento adottato nel 1995 dalla Conferenza europea sulla salute, la società e l’alcol. L’impegno alla lotta all’alcol, sottoscritto da 46 stati membri dell’European Region dell’Organizzazione mondiale della sanità, si traduce nella promozione di politiche globali sull’alcol e nell’attuazione di programmi che esprimano cinque principi etici e dieci strategie generali.

Tra i punti di partenza della Carta c’è l’assunto che ogni persona ha diritto “a una famiglia, a una comunità e a un ambiente di lavoro protetto da incidenti, violenza e altri effetti dannosi derivanti dal consumo di bevande alcoliche”, ricevendo, sin dalla prima infanzia, un’informazione e un’educazione adeguate sulle conseguenze dall’abuso di alcol. Allo stesso modo tutti coloro che subiscono danni legati al consumo di sostanze alcoliche hanno diritto a trattamenti e cure accessibili. La Carta stabilisce un decalogo di strategie da implementare per scoraggiare il consumo di alcol in particolare tra i giovani. Le linee d’azione tratteggiate dal documento spaziano dagli interventi di informazione e di promozione della salute alle misure di controllo, dall’accessibilità ai trattamenti e alla riabilitazione fino alla formazione degli operatori dei settori sanitari, sociale, educativo e giudiziario.

Molti di questi interventi sono già stati avviati dal Comune di Udine, ad esempio con il progetto Replei, ma anche con servizi di sostegno e assistenza sociale alle persone con problemi legati all’alcol. Tra le esperienze più significative in corso c’è anche “Lucidamente”, l’iniziativa di prevenzione delle dipendenze in particolare di un consumo smodato di alcol, tra i più giovani e specialmente in ambito sportivo.



Tags: