Mercoledì 17 agosto alle 21
l’esordio con “Elvis Day”

Tre serate in musica
in corte Morpurgo

UdinEstate propone un trittico di appuntamenti dedicati alle ultime
produzioni dell’Associazione Musicisti TreVenezie di Rocco Burtone

Parte mercoledì 17 agosto alle 21 in corte Morpurgo, con la serata “Elvis Day”, un trittico di appuntamenti di UdinEstate dedicati alla scoperta delle ultime produzioni dell’Associazione Musicisti TreVenezie, capitanata dal compositore, cantante ed entertainer Rocco Burtone. Tre esibizioni che non potevano che partire dal mito del rock&roll: Elvis Presley. A condurre la serata saranno Burtone e lo scrittore Lino Leggio, che ha avuto la fortuna di incontrare proprio “il Re”. Da questo incontro, nel quale il grande Elvis gli regalò i suoi Ray Ban, Lino Leggio ha tratto un libro dal titolo “Lui non è qui”, in cui racconta le peripezie di due friulani che in autostop si recano in Germania nel 1959 alla ricerca del mitico cantante, per potergli donare lo spartito di Santa Lucia. Stregato da questa avventurosa favola, il regista Carlo Mazzacurati ha deciso di trarne un film.

Il secondo appuntamento è in programma venerdì 19 agosto alle 21 in corte Morpurgo con il  “Burtonario della musica”: uno spettacolo giocato su racconti di musica e musicisti, storie vere e improbabili del mondo della musica. A chiudere il trittico di incontri sarà, sabato 20 agosto sempre alle 21 in corte Morpurgo, “Opera cantautori”, una serata dedicata alle canzoni dei grandi cantautori a confronto con le più belle arie dell’opera lirica e del melodramma, soprattutto italiani. Un appuntamento che, oltre a Burtone, prevede la partecipazione del soprano Elena Pontini e del pianista Alessio de Franzoni.

Da anni protagonista della scena musicale udinese, Burtone comincia la sua attività artistica nei primi anni ‘70 come cantautore “contro”, talmente contro da rifiutare all’epoca di incidere per Ivan Della Mea e la sua casa discografica “I dischi del sole” con la motivazione, oggi una “follia”, che “il valore dei miei concerti è manifestato dal rapporto a volte conflittuale col pubblico, quindi non ho interesse a incidere canzoni senza una logica di lotta”. Così fino alla fine dei ‘70  ha suonato dappertutto, dalla Sardegna alla Sicilia, nelle fabbriche, nei teatri, alle Feste dell’Unità, nei circoli anarchici, per gli emigranti in Olanda e in Germania. Tra il 1979 e il 1980 si trasferisce negli Stati Uniti per ragioni economiche e lo troviamo dapprima su una nave da crociera a sollazzare musicalmente i turisti americani in viaggio tra New York e le Bermuda, poi, stanco di quella vita, si trasferisce a Los Angeles dove canta le sue canzoni nei locali e con sorpresa si accorge di essere apprezzato più che in patria. Rientrato in Italia ricomincia con i concerti lanciandosi nella sua vera grande passione: i recital musicali e teatrali. In caso di maltempo le serate saranno trasferite in sala Ajace. Per informazioni ci si può rivolgere al PuntoInforma, 0432 414717.