[:it]C'è tempo dal 26 aprile al 31 maggio per presentare domanda[:fu]Al è timp dai 26 Avrîl ai 31 di Mai par presentâ domande

Sostegno alle famiglie,
ok al nuovo fondo affittiSostegn aes fameis,
vie libare al gnûf fonts pai fits

[:it]Possono accedere al beneficio i residenti nel Comune di Udine
con un Ise non superiore a 31.130 euro[:fu]A puedin vê il benefici chei che a son residents intal Comun di Udin
cuntun Ise no parsore dai 31.130 euros

C’è tempo dal 26 aprile al 31 maggio (per i soli proprietari che mettono a disposizione alloggi sfitti a inquilini meno abbienti fino al 30 giugno) per presentare domanda di accesso ai benefici economici del fondo affitti.

Al è timp dai 26 Avrîl ai 31 di Mai (fin ai 30 di Jugn dome pai proprietaris che a metin a disposizion cjasis o apartaments vueits a incuilins cun redit bas) par presentâ domande pai beneficis economics dal fonts pai fits. Lu à fissât la Zonte, che e à fat bon il bant 2010 dal fonts dedicât aes spesis pai fits.

A puedin fâ domande pal contribût di sostegn al paiament dal fit (pal an 2009) i nuclis familiârs cuntun Indicadôr de Situazion Economiche (Ise) che nol va parsore dai 31.130 euros. Chest nivel al è tirât sù a 34.243 euros pai nuclis familiârs che a son in situazions di debilece sociâl particolâr, tant che anzians, cubiis zovins, disabii e gjenitôrs cun minôrs a caric. I impuarts dal contribût, che a vegnin calcolâts prin di dut su la cuote dal fit, ma dopo ancje sul pês dal fit sul redit, cuntun impuart massim di podê erogâ di 3.100 euros pai nuclis cun Ise compagn o plui bas di 11.150 euros e di 2.325 euros par chei che cun Ise compagn o plui bas di 16.420 euros, a saran ripartîts in proporzion, daûr dal numar di domandis rivadis e daûr dai fonts metûts a disposizion de Regjon. A puedin presentâ domande i residents intal Comun di Udin che a vedin un contrat di fit.

Rispiet al an prime, cuant che la normative regjonâl e domandave almancul 10 agns di residence seguitive in Italie (e di chei 5 in regjon), cul bant 2010 a puedin vê il benefici i citadins residents in Italie di almancul 10 agns (e di chescj 1 in regjon) ancje se no son seguitîfs. Lis gnovis regulis regjonâls a metin sul stes plan la residence e la ativitât lavorative. Di chest an, di fat, il bant al è viert ancje ai residents fûr regjon che a lavorin intune dite che la sô sede e je tal teritori comunâl e che a vedin un contrat di fit. In complès si spiete plui di 2 mil domandis, par un totâl di plui di 3 milions di euros. “Diviers di ce che al sucêt in altris Comuns, dulà che i contribûts a vegnin dâts fûr fin a esauriment dai fonts e su la fonde di une graduatorie – al dîs l’assessôr ai Servizis Sociâi Antonio Corrias –, a Udin ducj chei che a fasin domande a varan un finanziament, in misure proporzionâl”. Pal moment la Zonte comunâl, par integrâ i impuarts stanziâts de Regjon e dal Stât, e à metût a disposizion une cuote di plui o mancul 400 mil euros par rispuindi a dutis lis domandis che a rivaran.

Intal test dal bant la aministrazion comunâl e à volût meti cierts elements in plui a pro dai citadins. Cemût che al sucêt in pôcs altris Comuns in Italie, il contribût a podaran vêlu ancje personis separadis che a vedin scugnût cjapâ une abitazion a fit dopo che il judiç al à assegnât al coniugât la cjase dulà che a stevin. Infin, in câs di intart tai paiaments, l’incuilin al podarà domandâ che il contribût al ledi dret al proprietari, evitant cussì il câs di jessi sfratât. “Pes fassis debilis de popolazion al pues pardabon jessi un respîr di ossigjen, soredut in chest moment di crisi economiche grave – al osserve Corrias –. Cun di plui e je une garanzie pai proprietaris, che a san di podê contâ su la cuviertidure de aministrazion comunâl”. A pet dal an passât, par altri, si slungje il timp di racuelte des domandis. “Par vignî incuintri des esigjencis di chei che a domandin e soredut dai proprietaris – al rimarche Corrias –, che cussì a varan plui timp par cjatâ un incuilin, o vin slungjât il timp di racuelte, garantint ancje la viertidure straordenarie de sabide”.

I citadins interessâts a varan di scrivi la domande tal model specific che a puedin cjatâ intai uficis comunâi e tal sît www.comune.udine.it e presentâle li dal banc dal Centri Polifunzionâl Micesio, in Borc Disore (via Superiore) 3. Il servizi di racuelte des domandis al sarà garantît di une scuadre di lavoradôrs utii pe societât, che propit in chescj dîs a son daûr a completâ la lôr formazion. Il banc al sarà viert lunis dopomisdì, des 13,45 aes 17,45 e, dal martars ae sabide des 8,30 aes 12,30 ma si podarà jessi ricevûts dome daûr prenotazion, clamant par telefon i numars 0432.228294 (i operadôrs a rispuindaran lunis des 9,00 aes 12,00 e dal martars al vinars des 14,00 aes 17,00) e 0432.271035 (i operadôrs a rispuindaran dal lunis al vinars des 9,00 aes 12,00). A saran lassadis fûr dal benefici lis domandis presentadis in maniere divierse di ce che al è previodût dal Bant comunâl. “Ducj i citadins che a volaran vê il benefici a saran ricevûts di un operadôr – al rimarche Corrias –. In chest mût no saran codis e nancje problemis pai citadins, tant che par esempli la presentazion di domandis incompletis”. Si invide i citadins a lâ tal apontament cun dute la documentazion, miôr se za fotocopiade (domande scrite; contrat dal fit; ricevudis di paiament dal fit pal an 2009; ricevude di paiament de impueste di regjistri; atestazion Ise in cors di validitât e inzornade pal nucli familiâr anagrafic; altre documentazion previodude dal bant). Par altris informazions si pues domandâ al ufici Abitâ Sociâl e progjets speciâi, in viâl Duodo 77 (tel. 0432 271900 – 271660 – 271696 – 271491).

Lo ha stabilito la giunta, che ha approvato il bando 2010 del fondo dedicato alle spese per le locazioni.

Possono fare richiesta del contributo per il sostegno al pagamento del canone di locazione (relativo all’anno 2009) i nuclei familiari in possesso di un Indicatore della Situazione Economica (Ise) non superiore a 31.130 euro. Questa soglia è elevata a 34.243 euro per i nuclei familiari che includono situazioni di particolare debolezza sociale, come anziani, giovani coppie, disabili e genitori con minori a carico. Gli importi del contributo, che vengono calcolati in prima battuta sulla quota di affitto, ma anche sull’incidenza del canone di locazione sul reddito, con un importo massimo erogabile di 3.100 euro per i nuclei con Isee uguale o inferiore a 11.150 euro e di 2.325 euro per i richiedenti con Isee uguale o inferiore a 16.420 euro, saranno suddivisi proporzionalmente in base al numero di richieste pervenute e ai fondi messi a disposizione dalla Regione. Possono presentare domanda i residenti nel Comune di Udine in possesso di un contratto di locazione.

Rispetto all’anno, quando la normativa regionale richiedeva almeno 10 anni di residente continuativa in Italia (di cui 5 in regione), con il bando 2010 possono accedere al beneficio i cittadini residenti in Italia da almeno 10 anni (di cui 1 in regione) anche non continuativi. Le nuove regole regionali equiparano inoltre la residenza all’attività lavorativa. Da quest’anno, infatti, il bando è aperto anche ai residenti fuori regione che lavorano in una ditta la cui sede si trova sul territorio comunale e siano in possesso di un contratto di locazione. Complessivamente sono attese oltre 2 mila domande, per un totale di oltre 3 milioni di euro. “Diversamente da quanto succede in altri Comuni dove i contributi vengono elargiti fino a esaurimento dei fondi e in base a una graduatoria – spiega l’assessore ai Servizi Sociali Antonio Corrias –, a Udine tutti i richiedenti ottengono un finanziamento, in misura proporzionale”. Al momento la giunta comunale, ad integrazione degli importi stanziati dalla Regione e dallo Stato, ha messo a disposizione una quota di circa 400 mila euro per far fronte alle numerose domande in arrivo.

Nella redazione del bando l’amministrazione comunale ha voluto inserire alcuni elementi migliorativi a vantaggio dei cittadini. Come avviene in pochi altri Comuni in Italia, il contributo sarà accessibile anche alle persone separate che siano state costrette ad assumere un’abitazione in affitto in seguito all’assegnazione al coniuge, da parte del giudice, dell’alloggio familiare. Infine, in caso di morosità, l’inquilino potrà chiedere che il contributo vada direttamente al proprietario, evitando un eventuale sfratto. “Per le fasce deboli della popolazione può essere una boccata d’ossigeno soprattutto in questo momento di grave crisi economica – osserva Corrias –. Inoltre è una garanzia per i proprietari, che sanno di poter contare sulla copertura dell’amministrazione comunale”. Rispetto all’anno scorso, inoltre, si allunga il periodo dedicato alla raccolta delle domande. “Per venire incontro alle esigenze dei richiedenti e soprattutto dei proprietari – sottolinea Corrias –, che così avranno più tempo per trovare un inquilino abbiamo ampliato il periodo di raccolta, garantendo anche l’apertura straordinaria del sabato”.

I cittadini interessati dovranno redigere la domanda sull’apposito modello a disposizione negli uffici comunali e sul sito www.comune.udine.it e presentarla presso lo sportello del Centro Polifunzionale Micesio, in via Superiore 3. Il servizio di raccolta delle domande sarà garantito da una squadra di lavoratori socialmente utili, che proprio in questi giorni stanno completando la formazione necessaria. Lo sportello sarà aperto il lunedì pomeriggio, dalle 13,45 alle 17,45 e, dal martedì al sabato dalle 8,30 alle 12,30 e sarà accessibile solo su prenotazione telefonica chiamando i numeri 0432.228294 (gli operatori risponderanno il lunedì dalle 9,00 alle 12,00 e dal martedì al venerdì dalle 14,00 alle 17,00) e 0432.271035 (gli operatori risponderanno dal lunedì al venerdì dalle 9,00 alle 12,00). Saranno escluse dal beneficio le domande presentate in maniera difforme a quanto previsto dal Bando comunale. “Tutti i cittadini che vorranno accedere al beneficio saranno ricevuti da un operatore – sottolinea Corrias –. In questo modo eviteremo code ed eventuali disagi ai cittadini, come ad esempio la presentazione di domande incomplete”. Si invitano i cittadini a presentarsi all’appuntamento muniti di tutta la documentazione, preferibilmente già fotocopiata (domanda compilata; contratto di locazione; ricevute di pagamento del canone relativo all’anno 2009; ricevuta di pagamento dell’imposta di registro; attestazione Isee in corso di validità e aggiornata al nucleo familiare anagrafico; ulteriore documentazione prevista dal bando). Per ulteriori informazioni ci si può rivolgere all’ufficio Abitare Sociale e progetti speciali, in viale Duodo 77 (tel. 0432 271900 – 271660 – 271696 – 271491).