Un progetto del Consiglio comunale dei ragazzi che coinvolge
due classi terze della Manzoni e Valussi

Il 63% dei ragazzi delle medie
usa internet ogni giorno

Lo rivela un’indagine condotta dal Comune. La rete utilizzata
per per ascoltare musica, giocare, studiare e comunicare con gli amici

giovani-onlineOltre il 63%  dei ragazzi tra i 13 e i 14 anni utilizza internet quotidianamente per ascoltare musica, giocare, studiare e comunicare con gli amici. È quanto emerge da un’indagine sull’uso consapevole e sicuro del webe in particolare dei social network condotta dal Comune di Udine e promossa dal Consiglio comunale dei ragazzi. La ricerca, realizzata nell’ambito del progetto “Sicuri in rete”, ha coinvolto 45 alunni di due classi terze delle scuole secondarie di primo grado “Via Petrarca” e “Piazza Garibaldi”. Dall’indagine, effettuata su un campione di 24 femmine e 21 maschi, emerge che il 63,6% dei ragazzi intervistati utilizza internet quotidianamente. Le risposte fornite evidenziano alcune differenze di genere nell’uso del web. Mentre infatti le ragazze evidenziano un maggior interesse per internet come mezzo per ascoltare e scaricare musica (50%) tra i maschi l’utilizzo del web è più orientato al gioco (45%).

Senza distinzioni di genere è invece l’uso del web come strumento per contattare e comunicare con gli amici, con una maggiore diffusione tra le femmine (54%) rispetto ai maschi (40%). Molti invece si interessano alla rete solo per passare il tempo navigando da un sito all’altro (40% delle ragazze e 45% dei ragazzi). Tra i servizi più utilizzati spiccano i social network e gli strumenti di condivisione, come Msn, Youtube e Facebook. Tutti i ragazzi usano più d’uno di questi strumenti mentre il 50% delle ragazze intervistate ne usano solo uno. Il 71,4% degli intervistati ha un suo indirizzo di posta elettronica personale, ma solo il 25% ha partecipato a discussioni virtuali (forum o chat). Il 42,9% ha fatto nuove amicizie sul web e il 35% ha anche incontrato di persona le persone conosciute in rete. Il 28%, inoltre, ha un proprio blog e la maggior parte di questi contiene anche immagini.

L’interesse ad approfondire il tema dell’uso consapevole e sicuro di internet è stato espresso proprio dalle due classi oggetto dell’indagine pilota. La proposta è stata poi approvata dal Consiglio comunale dei ragazzi e realizzata dall’amministrazione comunale attraverso l’unità organizzativa Studi e Diffusione, l’ufficio Progetti Educativi, con la collaborazione del servizio Sistemi Informativi e Telematici. Allo studio ha fatto seguito un incontro di approfondimento tra i ragazzi e il dirigente del servizio Sistemi Informativi e Telematici Antonio Scaramuzzi, che ha affrontato vari aspetti legati all’ambito della legalità e della sicurezza in campo tecnico/informatico. Dopo questa prima fase il progetto “Sicuri in rete” si allargherà anche ad altre classi sempre con l’esigenza di preparare i ragazzi a un utilizzo consapevole delle nuove tecnologie, disseminando queste conoscenze tra i loro coetanei e anche alle loro famiglie. Entro la fine dell’attuale anno scolastico, infatti, l’ufficio Progetti Educativi del Comune promuoverà un’assemblea delle due scuole “Via Petrarca” e “Piazza Garibaldi” per coinvolgere alunni, genitori e insegnanti in una riflessione sui temi legati all’utilizzo del web.