Mercoledì 9 giugno alle 18 in sala Ajace per UdinEstate

“Sepegrepetipi” e la ricerca
della lingua materna

A “Gli incontri con l’autore” la presentazione del volume scritto dal gruppo udinese
delle otto autrici di “Anna Achmàtova”

Anche d’estate non si ferma il tradizionale appuntamento del mercoledì con gli “Incontri con l’autore”, organizzati dalla biblioteca civica “Joppi” e l’assessorato alla Cultura. Anche all’interno del ricco cartellone di UdinEstate, infatti, ci sarà spazio per le presentazioni delle ultime novità editoriali. Mercoledì 9 giugno, come sempre in sala Ajace alle ore 18.00,per il ciclo degli “Incontri con l’Autore” sarà presentato il libro “Sepegrepetipi. La lingua dell’origine fra parola e afasia” del Gruppo udinese “Anna Achmàtova”. Il volume, curato da Marina Giovannelli ed edito da KappaVu, sarà presentato dalla scrittrice Antonella Sbuelz, mentre Cristina Benedetti e Maria Dolores Miotto leggeranno alcuni brani della ricerca.

“Sepegrepetipi” è un libro insolito,  segreto, come il titolo che accomuna la ricerca sulla propria lingua materna delle otto autrici che lo hanno scritto. Un libro che approfondisce, attraverso riflessioni autobiografiche e flussi di ricordi, il senso di quel substrato linguistico appreso nella primissima infanzia, di cui spesso ci si vergogna perché segna inesorabilmente le nostre origini. Ma è anche lo strumento per il riaffiorare di immagini o per un ripensamento del proprio sofferto passato.

Spesso, come ricorda Alessandra Kersevan nella postfazione, la lingua materna non è neanche quella che poi è stata usata normalmente nella vita, nella scuola, nei rapporti sociali e nel lavoro. Proprio per questo la riscoperta assume un valore quasi magico, “per portare alla luce – scrive Marina Giovanelli nell’introduzione – la radice sommersa della parola, per inventare ‘parole non consumate’, spinti dal desiderio, superando gli agguati dell’afasia.”