Lunedì 21 giugno alle 21 in corte Morpurgo per UdinEstate

Sei mani e un solo pianoforte
per le “Pianiste all’opera”

Il trio formato da De Amicis, Masciarelli e Petaccia impegnato
a rievocare l’atmosfere delle serate ottocentesche con opere di Puccini,
Rossini, Verdi, Dacci e Gounod

Quando la tecnologia era ancora lontana dal produrre le mille sofisticate “diavolerie” che permettono di ascoltare tutta la musica del mondo comodamente in poltrona a casa propria. Quando la musica era sempre e comunque live, come fino alla fine dell’Ottocento, le serate musicali a teatro si alternavano a quelle in casa.

Certo, contrariamente ad oggi che possiamo sentire riprodotte in cd o dvd, era difficile eseguire le opere integralmente in casa o nei salotti della buona società. E allora ecco l’escamotage: tutti i più grandi compositori, da Liszt a Strauss, da Bizet a Puccini, tanto per citare i più famosi, si dilettavano di trascrivere per pianoforte, a due a quattro o a sei mani, le arie più famose, i concertati più trascinanti delle opere più popolari.

“Pianiste all’opera”, il concerto in programma lunedì 21 giugno alle 21 in Corte Morpurgo a Udine (in caso di maltempo in sala Ajace), nell’ambito di Udinestate 2010, cerca con professionalità e ironia di riprodurre l’atmosfera di quella serate ottocentesche, in cui si dava voce all’opera, affidandola alle meraviglie acustiche e sonore del pianoforte. Un pianoforte per sei mani, ognuna delle quali realizza quelle parti delle composizioni originariamente affidate all’intera orchestra, dai legni agli archi agli ottoni.

Il programma del concerto udinese prevede nella prima parte due composizioni di Giusto Dacci, Fantasia sull’opera “Rigoletto” e Fantasia sull’opera “La Traviata”; nella seconda parte una Fantasia su temi d’opera di Giacomo Puccini, un Fantasia su “Faust” di Charles Gounod e una Fantasia  su temi d’opera di Gioacchino Rossini.

Le mani che di intrecceranno sul pianoforte sono quelle di tre affermate pianiste, Michela De Amicis, Rosella Masciarelli e Angela Petaccia. Insieme hanno dato vita a un Trio, il trio “Pianiste all’opera”, appunto,  proprio con l’intento di far conoscere un genere che tanto successo ebbe ai suoi tempi e che ancora oggi può deliziare gli ascoltatori. La formazione si è costituita nel 1998 amalgamando le esperienze artistiche delle tre giovani interpreti. La particolarità del trio (tre pianiste e un solo pianoforte) e del repertorio accomunano al virtuosismo tecnico sfumature timbriche tipiche, come detto, della tessitura orchestrale. Il loro repertorio comprende musiche originali per pianoforte a sei mani risalenti alla metà dell’Ottocento, composte da Angelo Panzini e Giusto Dacci su temi delle più belle opera di Giuseppe Verdi e spazia inoltre a brani di Rossini, Bizet, Strauss, Puccini ed altri, rielaborati dal Trio stesso. Il perfetto equilibrio, la squisita sensibilità, la musicalità delle tre artiste hanno ovunque riscosso unanimi consensi di pubblico e di critica. Regolarmente invitate dai più importanti Festival e Istituzioni musicali, hanno tenuto oltre 400 concerti in Italia e all’estero, esibendosi sui più prestigiosi palcoscenici d’Europa con tournée in Spagna, Germania, Belgio, Francia, Austria, Slovenia, Ungheria, Macedonia, Turchia e anche in America Latina, in Africa e negli Stati Uniti. Le tre pianiste affiancano all’attività concertistica quella didattica, Rosella Masciarelli e Michela De Amicis sono docenti di pianoforte principale al Conervatorio di Pescara e Angela Petaccia dirige il Centro Musicale Yamaha di Chieti.

L’ingresso al concerto è libero fino ad esaurimento posti e, come ricordato, in caso di maltempo si terrà in sala Akjace. Per informazioni PuntoInforma (0432 414717/718).