L’intervento sarà eseguito dalla Di Betta srl di Nimis
e dalla Candusso Carpenterie e Lattonerie srl di Moruzzo

Scuola Manzoni, consegnati i lavori
di ristrutturazione della palestra

Sono previste opere strutturali e impiantistiche per complessivi
574 mila euro con 270 giorni di durata da contratto

Dopo aver completato, nel 2012, la ristrutturazione del grande complesso di aule, uffici e laboratori della scuola media Manzoni, l’amministrazione comunale dà avvio all’intervento che porterà alla riqualificazione anche della palestra dell’istituto scolastico di piazza Garibaldi. Sono stati consegnati oggi 24 giugno alle ditte che si sono aggiudicate l’appalto, la Di Betta srl di Nimis per le opere edili e la Candusso Carpenterie e Lattonerie srl di Moruzzo per le carpenterie metalliche, i lavori di ristrutturazione e di miglioramento statico della struttura sportiva a servizio della scuola Manzoni.

Alla consegna del cantiere sono intervenuti, oltre alle imprese esecutrici, ai progettisti e ai tecnici comunali, il sindaco di Udine Furio Honsell, l’assessore all’Istruzione Raffaella Basana e la vicepreside della Manzoni Norina D’Angelo. “È un’opera che ci permette di completare il recupero di un complesso scolastico essenziale per il centro di Udine – sottolinea il primo cittadino –. Un investimento importante che abbiamo sostenuto con convinzione anche in un momento di difficoltà di bilancio come quello che stiamo vivendo a dimostrazione della nostra attenzione per i servizi educativi e scolastici”.

L’intervento, per il quale è stato stanziato un importo di circa 574 mila euro, dovrebbe essere completato entro la primavera del 2014 (270 giorni da contratto). La struttura, costruita all’inizio del Novecento, sarà oggetto di una serie di opere strutturali. In particolare è previsto il consolidamento delle murature, l’adeguamento degli elementi del tetto in carpenteria metallica e il rifacimento del pacchetto di copertura con la realizzazione della copertura termica (tavolato ligneo, isolamento in polistirene e manto in coppi). Nella struttura saranno inserite 64 barre in acciaio che permetteranno di “cucire” gli angoli dell’edificio e migliorare la capacità statica della struttura. Nel progetto rientrano inoltre le predisposizioni impiantistiche e la sistemazione delle “terrazze” interne dedicate agli spettatori.