Presentata la nuova edizione del progetto

Riparte
“Studenti in pattuglia”

Continuano a riscuotere successo le iniziative di educazione stradale della polizia
municipale: nel 2010 sono stati quasi 2 mila gli studenti e gli alunni coinvolti

Dai banchi di scuola alle auto bianco-blu della polizia comunale per capire la realtà della strada. È questa l’esperienza che si apprestano a vivere i giovani partecipanti alla nuova edizione di “Studenti in pattuglia”, il progetto realizzato dal Corpo di polizia municipale di Udine in collaborazione con alcuni istituti superiori di Udine.

L’iniziativa, che in questi giorni sta coinvolgendo una classe quarta del Sello in affiancamento agli agenti nel presidio del territorio, è stata presentata lunedì 6 dicembre nel comando di polizia municipale alla presenza dell’assessore Lorenzo Croattini, del coordinatore del progetto tenente Debora Martone e dell’insegnante del liceo artistico Sello Maria Corrao.

Tante le situazioni condivise da vigili e ragazzi: effettuare i rilievi di incidenti stradali, controllare e regolamentare il traffico, utilizzare il telelaser e l’etilometro, il servizio a piedi nelle zone centrali della città, i servizi di polizia commerciale a tutela del consumatore. Tra le attività proposte più apprezzate dai giovani partecipanti, la visita alla sala operativa del comando di polizia municipale, centro di raccolta delle richieste di intervento. Il progetto, attivato da diversi anni e portato avanti con grande impegno dalla polizia municipale, consente agli studenti di apprendere le nozioni fondamentali del Codice della strada, di polizia commerciale e di annonaria.

Un’iniziativa che rientra nelle molteplici attività di educazione stradale svolte dalla polizia municipale. “Come previsto dagli obiettivi fissati dall’Unione Europea – sottolinea l’assessore Croattini – il Comune e la polizia municipale lavorano per ridurre la quantità di incidenti stradali e dimezzare, in prospettiva, il numero di morti sulle strade”. Nel corso del 2010 i vari progetti di avvicinamento alle regole della strada hanno coinvolto quasi 2 mila studenti e alunni delle scuole di ogni ordine e grado della città. Lo sforzo maggiore si è concentrato sulle scuole elementari (1.685 partecipanti) e dell’infanzia (205 partecipanti). Proposte e attività che stanno riscuotendo grande successo negli istituti scolastici, basti pensare che per l’anno scolastico 2010-2011 sono già 43 le classi che hanno presentato richiesta di partecipazione alle attività della polizia municipale.

“L’operatore della polizia municipale  – spiega il tenente Debora Martone –  è una figura rilevante nel processo formativo perché la sua stessa presenza nelle scuole abitua i ragazzi ad avere familiarità e fiducia verso chi, indossando una divisa, rappresenta l’ordine costituito”.