La giunta comunale ha deliberato
una riduzione del 2% della Tia

Rifiuti, cala ancora
la bolletta della Net

Per il terzo anno consecutivo palazzo D’Aronco stabilisce una diminuzione
della Tariffa di igiene ambientale per un ridimensionamento complessivo del 13,5%

Il Comune alleggerisce le bollette sui rifiuti. Per il terzo anno consecutivo palazzo D’Aronco stabilisce una riduzione della Tariffa di igiene ambientale, che nel 2012 sarà tagliata del 2% rispetto allo scorso anno. Una diminuzione che si va a sommare a quella del 7,5% del 2011 e a quella del 4% del 2010, per un ridimensionamento complessivo del 13,5% della Tia in tre anni. “Unita a quelle degli ultimi due anni si tratta di una riduzione importante soprattutto in un momento di difficoltà economiche come quello che stiamo vivendo – commenta il sindaco di Udine Furio Honsell –. È il risultato di un ottimo lavoro di squadra che grazie all’aumento della raccolta differenziata e all’efficientamento del servizio Net ha consentito di portare un considerevole risparmio per le tasche dei cittadini udinesi”.

Il calo delle tariffe Net, approvato dalla giunta, è il risultato di diversi fattori, primo fra tutti l’incremento della raccolta differenziata, passata dal 47% nel 2008 al 53,3% nel 2009, al 57,06% nel 2010 fino al 62,25% nel 2011. “Se i cittadini, come sta accadendo, comprendono l’importanza di differenziare i rifiuti – dichiara l’assessore comunale alla Qualità della Città, Lorenzo Croattini – è chiaro che le tariffe possono essere abbassate perché la differenziazione dei rifiuti contribuisce a ridurre i costi di smaltimento. Queste riduzioni rappresentano quindi un risultato che premia prima di tutto l’impegno e il senso civico degli udinesi”.

Un altro fattore importante che ha permesso di abbattere ulteriormente i costi in bolletta è il forte impegno della Net nella razionalizzazione e nell’efficientamento della macchina organizzativa. “Stiamo cercando di operare seguendo sempre più criteri di efficienza ed economicità aziendale – spiega il presidente della Net, Massimo Fuccaro –. Una propensione alla razionalizzazione delle risorse che si riflette sui processi interni e che alla fine dell’anno si traduce in un risparmio per i cittadini”. Un ruolo non trascurabile l’ha giocato infine la riduzione dei costi di termovalorizzazione del CDR e dei costi di smaltimento dei sovvalli (frazione non utilizzabile dei rifiuti).



Tags: , ,