Presentato presso la sede di Udine in occasione dello scambio di auguri natalizi

Protezione civile di Udine,
bilancio attività 2011

Honsell: “La squadra comunale della Protezione Civile
rappresenta da sempre un vero e proprio vanto per Udine”

Settemila ore di servizio volontario prestato quest’anno alla comunità friulana e non solo, un centinaio di iscritti e numerosi interventi svolti nel 2011, dalla ricerca di persone scomparse, ai soccorsi in Liguria, dalle esercitazioni nelle scuole alle tante manifestazioni del territorio.Sono solo alcuni dei dati emersi nel corso dell’incontro tenutosi martedì 20 dicembre presso la sede di piazzale Unità d’Italia della sezione udinese della Protezione Civile, per il tradizionale scambio degli auguri natalizi. Un incontro organizzato anche per la consegna delle benemerenze ministeriali, assegnate ogni 5 anni ai volontari, e gli attestati ai partecipanti ai corsi di formazioni svolti nell’anno.

“La squadra comunale della Protezione Civile – ha dichiarato il sindaco di Udine, Furio Honsell, presente insieme con l’assessore comunale con delega alla Protezione Civile, Lorenzo Croattini –, grazie al suo grado di alta specializzazione e capacità operativa, rappresenta un vero e proprio vanto per Udine. Un servizio importante per la cittadinanza – ha proseguito il sindaco – frutto della passione e della dedizione di tutta la squadra. Proprio in un momento segnato pesantemente dalla recessione economica – ha spiegato ancora il primo cittadino rivolgendosi ai presenti –, valori come la solidarietà, il volontariato e l’assistenza sono sempre più importanti ed è anche grazie al vostro impegno che è possibile superare i peggiori momenti di crisi e di emergenza”.

Tanti, si diceva, gli ambiti di intervento che hanno coinvolto il corpo udinese della Protezione Civile quest’anno. I volontari, infatti, sono stati impegnati nella ricerca di 2 persone scomparse da casa, nel portare aiuto agli alluvionati della Liguria, nella messa in sicurezza dei cittadini dopo gli allagamenti di Pagnacco, nello spegnimento degli incendi boschivi o nelle consegne urgenti di organi da un ospedale all’altro. Senza contare il fondamentale supporto alle numerose iniziative e manifestazioni come Friuli Doc, il banco alimentare, la festa provinciale dei donatori di sangue, la maratonina, sicurUdine, Telethon, il Giro del Friuli, il Giro d’Italia o la campagna per le vaccinazioni antirabbica. Gran parte dell’attività della Protezione Civile, inoltre, è da sempre dedicata alla formazione, non solo dei volontari, ma anche nelle scuole, con esercitazioni e specifiche lezioni in classe o, come nel caso della simulazione di un terremoto, con l’allestimento di una tendopoli al Parco Moretti.

“Ringrazio la Protezione Civile e il coordinatore della squadra comunale, Graziano Mestroni – ha concluso Croattini –. È soltanto grazie al loro contributo che tantissime manifestazioni, fiore all’occhiello della città e dell’intera regione, sono possibili. Un contributo ancor più significativo vista la completa autonomia gestionale del corpo e la grande disponibilità di tutti i volontari”.