Sono un centinaio le proposte rivolte alle scuole dell’infanzia,
primarie e secondarie di primo e secondo grado della città

Progetto “SAVÊ”, nuova edizione
con 8.700 alunni e 414 classi

Sette le sezioni tematiche tra le quali scegliere: dal gioco alle tradizioni,
dallo sport all’arte, fino a cittadinanza, linguaggi, salute e sicurezza

Sono già ben 8.700, per 414 classi, gli alunni iscritti alle numerose iniziative proposte dal Comune di Udine nell’ambito del progetto “SAVÊ – Scuele, Ative, Vierte, Educative” (Scuola Attiva, Aperta, Educativa). Anche quest’anno l’amministrazione comunale offre un ricco programma di percorsi e attività educative da mettere a disposizione di tutte le scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo e secondo grado della città.Si tratta, nello specifico, di un centinaio di iniziative, suddivise in proposte educative, progetti ed eventi, raggruppati in 7 sezioni tematiche: Cittadinanza e partecipazione, Arte e territorio, Gioco e sport, Salute e sicurezza, Storia e tradizioni, Scienze-ambiente-energie, Linguaggi e comunicazione.

“In un momento di grave recessione economica come quello attuale – sottolinea il sindaco di Udine Furio Honsell –, e quindi di minori risorse statali per le scuole, è molto importante che l’amministrazione comunale investa risorse per garantire una formazione d’eccellenza. È quello che continua a fare il Comune di Udine, potenziando l’offerta con questi percorsi educativi. È anche un modo – prosegue – per promuovere l’educazione dei cittadini più giovani affinché, attraverso la conoscenza della città, della storia e della cultura locale, crescano come cittadini consapevoli che i valori della convivenza civile e del rispetto di sé e degli altri sono fondamentali per lo sviluppo della società”.

Sono otto gli uffici comunali impegnati nelle attività dei diversi percorsi: l’Agenzia Giovani, la biblioteca civica Joppi, l’ufficio “Città Sane”, la Ludoteca e il Ludobus, il museo friulano di Storia Naturale, la Polizia locale, i Civici Musei, l’ufficio Progetti educativi 3-14 anni. “Il progetto SAVÊ – sottolinea l’assessore allo Sport, all’Educazione e agli Stili di Vita, Raffaella Basana –, è stato sviluppato sulla base di un accordo attuativo e della convenzione quadro tra il Comune di Udine e le istituzioni scolastiche. Va sottolineato che nonostante le ridotte disponibilità di bilancio l’amministrazione comunale è riuscita a mantenere il livello dell’offerta educativa”. Le proposte educative, che possono essere consultate direttamente sulla pagina del sito del Comune di Udine dedicata al progetto SAVÊ, www.comune.udine.it/save, si suddividono in tre tipologie di interventi: interventi didattici che si svolgono in classe o in altri luoghi cittadini; attività didattiche strutturate su più azioni, su un periodo medio-lungo e con diversi soggetti coinvolti; eventi incentrati su uno specifico tema con attività concentrate in un solo breve periodo (di uno o più giorni).

Ai progetti che hanno uno sviluppo pluriennale – come il Consiglio Comunale dei Ragazzi, il Contratto della merenda, il Pedibus, Studenti in pattuglia, Educazione alla sessualità, Percorsi Impossibili e altri – si affiancano inoltre eventi che mirano a coinvolgere più classi in manifestazioni che assumono una rilevanza cittadina e sono realizzate con la partecipazione di più uffici comunali e realtà esterne. Tra questi possiamo ricordare “Energia in gioco” (ottobre), la Festa degli alberi (21 novembre), la Settimana del gioco da tavolo (16 al 24 novembre), la Festa del Pi Greco (14 marzo), la Giornata Mondiale del Gioco (maggio).

 

PROGRAMMA “SAVÊ” 2013-2014


AGENZIA GIOVANI

La  proposta educativa “Orientamento informativo post-diploma” si propone di fornire una prima informazione orientativa sulle possibilità e sui servizi utili per le scelte da farsi dopo il diploma. Sarà presentato il servizio Informagiovani, oltre agli altri servizi dedicati all’informazione e all’orientamento presenti sul territorio. Saranno illustrati i percorsi possibili al termine del percorso della scuola secondaria, nonché gli strumenti a supporto della scelta. A ciascuno studente verrà consegnata una copia del vademecum “Un passaporto per il tuo futuro”.

BIBLIOTECA CIVICA “V. JOPPI” – SEZIONE RAGAZZI e MODERNA

Si affronteranno i temi della pace attraverso il percorso “Ragazzi in guerra” e del razzismo, con la proposta “Partenze: un dramma senza confini”. Altri percorsi storici riguarderanno la Serenissima Repubblica di Venezia con “Il Leone di S. Marco” e le storie della Resistenza. Con “La valigia delle storie” si farà scoprire ai  più  piccoli  il  piacere di ascoltare storie mentre con “La scatola dei baci” si affronterà il tema dell’affettività e della capacità di esprimere i propri sentimenti. Altri percorsi saranno “A bottega dallo scrittore”, “Un libro …è un libro!!!!” e “Bambini di carta”, dedicato alla letteratura per ragazzi. Sarà anche possibile scoprire la biblioteca con una visita guidata dedicata.

UFFICIO DI PROGETTO “CITTA’ SANE”

Propone diversi progetti che riguardano la prevenzione e la salute dei cittadini: dall’accompagnamento a scuola a piedi con il progetto “Millepedibus” alla merenda sana in classe con il “Contratto della Merenda”. Particolare attenzione è dedicata alla corretta alimentazione attraverso percorsi e laboratori “del gusto”, “del pane” e “delle buone abitudini”. Va evidenziata la collaborazione con il Cec per il percorso “Cibo e cinema” e il percorso “Acqua di rubinetto”. Ai ragazzi delle superiori vengono proposti percorsi sulla prevenzione dalle dipendenze da fumo e alcool e sul tema “Sessualità e consapevolezza”.

LUDOBUS – LUDOTECA

Le proposte valorizzano il gioco nelle sue molteplici forme, come spunto per avvicinare bambini e ragazzi in maniera ludica ai più svariati argomenti: tradizioni e intercultura, arte e immagine, linguaggi e simboli, sicurezza, ambiente, scienza e matematica creative. Oltre ai già citati eventi si propongono iniziative che riguardano i giochi di una volta con “Un mondo di giochi” e una esperienza “storica” da vivere nell’ex rifugio antiaereo del giardino Del Torso. Enigmi e rompicapi saranno il tema del percorso “Giochi d’ingegno” mentre gli elementi della chimica saranno raccontati con la “Favola degli elementi”. Tra le novità si registra l’ecorienteering, che coniuga lo sport con la conoscenza dell’ambiente, riflessioni logico-matematiche, storia e cultura locale ed educazione alla cittadinanza.

MUSEO FRIULANO STORIA NATURALE  

I diversi percorsi educativi proposti dal Museo Friulano di Storia Naturale saranno legati agli argomenti trattati nella mostra “La [bio]diversità in Friuli: le ragioni di un primato”, che sarà allestita nell’ex chiesa di San Francesco tra novembre 2013 e aprile 2014. L’esposizione riguarderà principalmente gli aspetti naturalistici e culturali del Friuli Venezia Giulia, un territorio caratterizzato da una storia geologica lunga oltre 400 milioni di anni, da una straordinaria biodiversità attuale e fossile e da una complessità culturale che si tramanda fin dalla preistoria.

POLIZIA LOCALE

Il tema dell’educazione e della sicurezza stradale sarà affrontato attraverso tre proposte educative di cui “Conquistiamo le regole del gioco” è dedicata alle scuole dell’infanzia,  “A spasso con Quasar” alle scuole primarie e “Studenti in pattuglia” alle scuole secondarie di secondo grado.

PROGETTI EDUCATIVI 3-14 ANNI    

Il progetto “Consiglio Comunale dei Ragazzi” viene riproposto per coinvolgere alunni e alunne nel vivo della partecipazione alla vita cittadina attraverso le elezioni, le sedute di Consiglio e i forum di discussione. Nei percorsi educativi rientrano anche “Udinènostra”, dedicato alla conoscenza del Comune, dei suoi organi e dei suoi servizi, e il “Laboratorio sui diritti”, in collaborazione con l’Unicef. Attraverso la proposta “Percorsi Impossibili” sarà promosso anche l’uso della bici come strumento per conoscere il territorio, migliorare l’ambiente e la salute. Gli aspiranti Indiana Jones potranno partecipare al percorso “Archeo: l’avventura ti cattura”, organizzato in collaborazione con il museo Archeologico, per avvicinarsi all’archeologia in modo interessante e divertente. Il museo Etnografico condurrà alla scoperta di storie e tradizioni del borgo di Grazzano tra il XIV e il XVI secolo con la proposta “L’Aquila e il drago”, mentre con “Kram” si ricostruirà il viaggio per l’Europa di un cramâr e con “PopStar” saranno illustrate alcune tradizioni popolari friulane. Inoltre, in convenzione con l’Istituto Bearzi saranno proposti i percorsi “Robotica educativa”, “Da grande farò il meteorologo” e “Micromondi”.

CIVICI MUSEI

Come sempre i Civici Musei presentano un ampio panorama di attività riguardante l’arte antica e moderna, l’architettura del Novecento, l’archeologia, la storia cittadina e le tradizioni popolari. A Casa Cavazzini si terranno percorsi che spazieranno dal paesaggio all’arte figurativa, alle descrizioni di specifici autori come De Chirico, Savinio e Basaldella. Il Museo Etnografico del Friuli presenterà varie attività dedicate ai giochi, alle ceramiche, al calendario, alle piante e al suono. Il museo Archeologico proporrà “Il mondo dei morti”, “Il lungo viaggio”, “Un vaso, una storia” e tanti altri percorsi di carattere storico e archeologico, mentre il museo del Risorgimento svilupperà i percorsi “Il Risorgimento prende forma” e  “Risorgimento: la fabbrica degli eroi”, oltre a diverse altre iniziative.