La decisione presa dalla giunta comunale

Progetti educativi, definiti i soggetti
destinatari dei contributi ad hoc

Approvate le indicazioni e la quantificazione degli importi da erogare
per i contributi “ad hoc” dedicati a specifiche iniziative aventi finalità educative.

La giunta comunale, su proposta dell’assessore all’Istruzione, Kristian Franzil, ha approvato le indicazioni e la quantificazione degli importi da erogare per i contributi “ad hoc” dedicati a specifiche iniziative aventi finalità educative.I termini per la presentazione delle domande di contributo erano scadute il 28 febbraio scorso ed ora gli uffici comunali hanno provveduto alla ripartizione dei fondi.

Queste le associazioni destinatarie di contributi, per complessivi 54 mila 900 euro, e i relativi nomi dei progetti presentati: Istituto Salesiano Bearzi per “Robotica educativa”, Fondazione Renati per “Ospitalità gruppo Indiani”, Associazione Pangea per “Visioni, parole e simboli in rete”, Società Cooperativa Altreforme per “Educare all’arte – La poetica del segno”, Centro Espressioni Cinematografiche per “Beviamo acqua del rubinetto”, Associazione genitori pro-scuola Rodari per “Insieme Noi Sappiamo Inventare E Maturare Esperienza”, Istituto comprensivo V per “Crescere insieme in classe”, Associazione Time for Africa per “Conoscere l’Africa attraverso il cinema e l’arte”, Associazione Donne Straniere Immigrate per “Colori intrecciati – festival multiculturale”, Istituto comprensivo II per “Fare musica insieme”, A.S.D. Prima Scuola Pallavolo per “Postura-Bus”, Piccola Società Cooperativa “Damatrà” per “Tutti a tavola”.