[:it]L'intervento partirà nel 2011 e costerà 650 mila euro[:fu]L'intervent al partirà intal 2011 e al costarà 650 mil euros

Primo ok
all’ampliamento dell’asilo GabelliPrin ok
al ampliament de scuele de infanzie Gabelli

[:it]L’assessore Malisani: “Le opere previste permetteranno
un miglioramento delle attività che si svolgono quotidianamente nella scuola”[:fu]L'assessôr Malisani "Lis oparis previodudis a permetaran
un miorament des ativitâts che si fasin ogni dì inte scuele"

RIMG0105La scuola dell’infanzia “Gabelli” di via Bariglaria sarà ampliata. Lo prevede il progetto preliminare dei lavori, che ha avuto l’ok dalla Giunta Honsell. gabelliLa scuele de infanzie “Gabelli” di vie Bariglarie e sarà ampliade. Lu previôt il progjet preliminâr dai lavôrs, che al à vût l’ok de Zonte Honsell. I lavôrs a consistaran inte realizazion de tierce sezion, inte ristruturazion complete de cusine interne e dai spazis acessoris e di servizi pe mense (camarins pai cogos, lavandarie). I lavori consisteranno nella realizzazione della terza sezione, nella ristrutturazione completa della cucina interna e degli spazi accessori e di servizio alla mensa (spogliatoi cuochi, lavanderia).

L’edificio esistente ha una superficie coperta di 700 metri quadri circa. La scuola è composta da due aule didattiche normali, una sala per attività collettive, il refettorio ed i servizi di supporto alle attività (servizi igienici, cucina, ripostigli, ufficio della direttrice, ecc.), oltre ad avere un piano interrato dotato di dispensa, deposito e magazzino, centrale termica con accesso dall’esterno dell’edificio. Il fabbricato, costituito da un unico piano, è immerso nel verde di un’ampia area scoperta destinata a giardino della scuola. Il progetto nasce per rispondere alle esigenze della scuola che negli ultimi anni ha visto crescere il numero degli alunni iscritti, visto che il quartiere è in costante crescita demografica. La struttura scolastica, nata agli inizi degli anni 70, è caratterizzata dalla presenza solo di due sezioni, che sebbene perfettamente funzionanti e complete di ogni spazio accessorio e complementare, non riescono a soddisfare la domanda.

L’intervento progettuale prevede di modificare la struttura esistente verso il cortile interno, dove c’è il porticato, con ampliamento di circa 50 metri quadri per realizzare una nuova aula con relativi servizi igienici, per accogliere almeno 20 bambini. Inoltre è previsto l’ampliamento del refettorio ed è stato progettato il completo rifacimento, con ampliamento e adeguamento degli spazi della cucina, insufficiente a supportare il carico di lavoro per le tre sezioni. A margine verranno adeguati e migliorati gli spazi di servizio all’attività scolastica attraverso la realizzazione di un piccolo ufficio per il personale insegnante e per l’accoglienza degli utenti, una dispensa al piano interrato e adeguati spogliatoi per il personale di cucina.

Tenuto conto dei tempi per l’approvazione dei progetti definitivo ed esecutivo e dell’aggiudicazione dell’appalto, i lavori, per una spesa complessiva pari a 650 mila euro, dovrebbero cominciare a marzo del 2011 e terminare entro l’autunno dello stesso anno. “Con questo intervento si vuole dare una migliore e più razionale distribuzione delle attività che si svolgono quotidianamente nella scuola materna – sottolinea Gianna Malisani, assessore ai Lavori pubblici – , cercando di separare fisicamente le varie funzioni che gli spazi ospitano. Il progetto prevede infatti locali distinti per l’attività didattica con i bambini (aule), per le attività extrascolastiche (stanze per riunioni del personale docente), per la preparazione dei cibi (cucina con relativi spogliatoi e refettorio, dispensa), per supporto logistico alle attività (magazzini e ripostigli al piano interrato)”.





L’edifici esistent al à une superficie cuvierte di plui o mancul 700 metris cuadris. La scuele e je componude di dôs aulis didatichis normâls, une sale par ativitâts coletivis, il refetori e i servizis di supuart aes ativitâts (servizis igjienics, cusine, busigatui, ufici de diretore, e v.i.), e un plan intierât dotât di dispense, dipuesit e magazen e centrâl termiche cun acès dal esterni dal edifici. Il fabricât, costituît di un plan sôl, al è imerzût intal vert di une grande aree scuvierte destinade a zardin de scuele. Il progjet al nas par rispuindi aes esigjencis de scuele che intai ultins agns e à viodût cressi il numar dai arlêfs iscrits, stant che il cuartîr al è in cressite demografiche costante. La struture scolastiche, nassude al inizi dai agns 70, e à dome dôs sezions che, ancje se funzionantis dal dut e completis di ogni spazi acessori e complementâr, no rivin a sodisfâ la domande. L’intervent progjetuâl al previôt di cambiâ la struture esistente che e da sul curtîl interni, dulà che al è il lobeâl, cuntun ampliament di plui o mancul 50 metris cuadris par fâ une aule gnove e i servizis igjienics par almancul 20 fruts. Cun di plui al è previodût l’ampliament dal refetori e al è stât progjetât il rifasiment complet cun ampliament e adeguament dai spazis de cusine, insuficiente a supuartâ la cjame di lavôr pes trê sezions. A margjin a vignaran adeguâts e miorâts i spazis di servizi ae ativitât scolastiche cu la realizazion di un piçul ufici pal personâl insegnant e pal acet dai utents, une dispense al plan intierât e camarins pal personâl de cusine. Tignint cont dai timps pe aprovazion dai progjets definitîf e esecutîf e de adiudicazion dal apalt, i lavôrs, par une spese complessive di 650 mil euros, a varessin di scomençâ a Març dal 2011 e finî dentri dal Autun dal stes an. “Cun chest intervent si vûl dâ une distribuzion miôr e plui razionâl des ativitâts che si fasin ogni dì inte scuele materne – e sotlinee Gianna Malisani, assessôr pai Lavôrs publics – cirint di separâ lis funzions che si davuelzin intai locâi. Di fat il progjet al previôt spazis diferents pe ativitât didatiche cui fruts (aulis), pes ativitâts extrascolastichis (stanziis pes riunions dal personâl docent), pe preparazion dal mangjâ (cusine cun camarins, refetori e dispense), par supuart logjistic aes ativitâts (magazens e busigatui tal plan intierât).