Sui casi segnalati al parco Moretti

Presunti avvelenamenti dei cani,
interviene l’assessore Croattini

L’assessore alla Qualità della Città lancia un appello ai cittadini: “Non risulta
da nessuna parte una denuncia dei proprietari né da parte dei veterinari”

“Invito i cittadini e i veterinari a farsi vivi con le autorità se  siano a conoscenza di fatti concreti e verificabili in merito ai casi di avvelenamento di cani al parco Moretti e segnalati sulla stampa locale”. L’assessore alla Qualità della Città, Lorenzo Croattini, lancia un appello agli udinesi, e non solo, affinché si possa fare chiarezza sui presunti casi di avvelenamento di due cani al parco Moretti del capoluogo friulano.

“Al momento – spiega Croattini – la polizia comunale non ha ricevuto alcuna denuncia in merito da parte dei proprietari degli animali, né ci sono state denunce per lo stesso motivo in tutta la città o negli altri Comuni, così come non abbiamo notizia di autopsie effettuate dall’istituto zooprofilattico di Pordenone dove, sempre secondo quanto si apprende dalla stampa, sarebbero stati portati gli animali avvelenati. Tra l’altro – prosegue l’assessore – ci sono parecchi dubbi sul fatto che, sempre secondo quanto si legge sui giornali, in appena due giorni si possa già risalire all’agente che ha provocato la morte del cane”.

Da qui l’appello di Croattini affinché non si propaghi un pericoloso allarmismo tra i proprietari degli amici a quattro zampe in caso ci si trovi di fronte a voci infondate e di lasciar perdere tracce importanti in caso ci sia effettivamente qualcuno che minaccia la salute dei cani. “Non vorrei – spiega ancora Croattini – che si spargesse un allarmismo tra i cittadini. Per questo motivo si chiede a chiunque sia al corrente di fornire nomi e cognomi, nonché fatti verificabili dalle autorità di pubblica sicurezza, ancor più se si tratta di veterinari che hanno visitato cani che si sospetta siano stati avvelenati e che hanno l’obbligo di rivolgersi alle autorità in caso di avvelenamento di animali”.