[:it]Le misure in vigore dalle 9 alle 18 all’interno del ring cittadino[:fu]Lis misuris in vore des 9.00 aes 18.00 intal anel citadin

Polveri sottili: restano in vigore
le limitazioni alla circolazionePolveri sottili: restano in vigore le limitazioni alla circolazione

[:it]Stop agli Euro 0, 1 e 2 e ai diesel senza filtro antiparticolato
o con cilindrata uguale o superiore a 2.400 cc[:fu]Stop ai Euro 0, 1 e 2 e ai diesel cence filtri antiparticolât
o cun cilindrade pari o superiôr a 2.400

<!--:it-->polveri_sottili<!--:-->Dopo aver accertato il terzo sforamento consecutivo del livello di polveri sottili, registrato nella giornata di lunedì, il sindaco Furio Honsell ha firmato nella mattinata di martedì, 16 marzo, l’ordinanza di introduzione delle limitazioni al traffico previste dal Piano d’Azione Comunale all’interno del ring cittadino.

<!--:it-->smog_1<!--:-->Dopo di vê aciertât la tierce infrazion consecutive dal nivel di polvars sutîi, regjistrade inte zornade di îr, il sindic Furio Honsell al firmarà inte matinade di vuê, ai 16 di Març, la ordenance che pai prossims trê dîs e introdusarà lis limitazions al trafic previodudis dal Plan di Azion Comunâl dentri dal anel citadin. Il blocco antismog sarà in vigore anche giovedì 18 e venerdì 19 marzo esclusivamente dalle ore 9 alle 18 e riguarderà tutti i veicoli Euro 0, Euro 1 ed Euro 2 e tutti i mezzi diesel privi di filtro antiparticolato o con cilindrata uguale o superiore a 2.400 cc. Lo stop alla circolazione riguarderà anche a ciclomotori e motocicli Euro 0 ed Euro 1. Queste misure sono applicate inizialmente solo all’interno dei viali della circonvallazione, mentre saranno allargate a tutto il territorio comunale se il superamento dei limiti si protrarrà oltre i sei giorni. Per spiegare le limitazioni in maniera semplice e sintetica a tutti i cittadini, il Comune ha realizzato degli appositi pieghevoli che saranno disponibili nelle sedi circoscrizionali, all’anagrafe e nelle sedi degli uffici comunali. Sul sito dell’amministrazione comunale (www.comune.udine.it) si possono trovare inoltre nuove pagine informative dedicate alle misure antismog.

“Considerato che le previsioni dell’Osmer non fanno intravedere cambiamenti meteo imminenti, abbiamo introdotto le misure antismog – sottolinea l’assessore alla Qualità della Città Lorenzo Croattini –. In ogni caso monitoreremo la situazione e se ci dovesse essere qualche evoluzione positiva, con l’arrivo di pioggia o vento, revocheremo subito il provvedimento”. Come accade sempre in questo periodo dell’anno, le condizioni climatiche generano un contesto caratterizzato da bassi standard qualitativi dell’aria. È questo il motivo che ha portato ai tre superamenti dei livelli di pm10 nelle giornata di sabato 13, domenica 14 e lunedì 15 marzo, quantificati da entrambe le stazioni cittadine: le centraline di piazzale Osoppo e di via Manzoni hanno registrato rispettivamente un livello di 66 e 62 mg/m3 il 13, 92 e 85 mg/m3 il 14 e 62 e 70 mg/m3 il 15 marzo.

“Gli sforamenti di pm10 sono ormai abbastanza frequenti in questa stagione e riguardano tutto il territorio regionale – spiega Croattini –. Il piano che abbiamo introdotto a febbraio del 2009 punta a bloccare i veicoli che inquinano di più e orientare la cittadinanza verso comportamenti rispettosi dell’ambiente e improntati alla mobilità sostenibile”. Seguendo questa filosofia e segnando un netto cambiamento di rotta rispetto al passato, la giunta comunale ha approvato l’anno scorso, infatti, l’aggiornamento del Piano d’Azione Comunale, il protocollo nel quale sono contenute le azioni di emergenza da attivare in caso di superamento dei limiti fissati dalla normativa in tema di qualità dell’aria.

Il nuovo Piano di Azione Comunale, che scatta dopo il terzo giorno consecutivo di superamento del valore limite di uno degli inquinanti accertato in almeno una delle due centraline (con il contemporaneo sforamento del superamento dell’80% del valore limite nell’altra), viene attuato a partire dal quarto giorno in assenza di previsioni meteorologiche che prevedano condizioni favorevoli alla dispersione dell’inquinante.

Questi provvedimenti straordinari non vengono applicati né ai mezzi adibiti al trasporto pubblico (bus-taxiautonoleggio con conducente) né ai veicoli a trazione elettrica o alimentati a idrogeno, a metano o a GPL. Inoltre, nei giorni in cui sono previsti provvedimenti di sospensione del traffico, è prevista anche la limitazione dell’esercizio degli impianti di riscaldamento alimentati a gasolio, olio combustibile e a legna (tale divieto non viene applicato alle caldaie dotate di filtro antinquinamento). Questo provvedimento, dal quale sono esclusi gli edifici adibiti a ospedali, ricoveri, case di cura e assimilati nonché le strutture adibite a scuole materne e asili nido, consiste nella riduzione di 4 ore di utilizzo giornaliero (da 14 ore d’esercizio corrente a 10 ore di esercizio limitato) e comunque nel contenimento della temperatura interna degli edifici fino al massimo di 19°C (da 20°C).






Il bloc antismog al sarà in vore intai dîs di doman, joibe e vinars des 9.00 aes 18.00 e al rivuardarà ducj i veicui Euro 0, Euro 1 e Euro 2 e ducj i mieçs diesel cence filtri antiparticolât o cun cilindrade compagne o superiôr a 2.400 cc. Il stop ae circolazion al rivuardarà ancje ciclomotôrs e motociclis Euro 0 e Euro 1. Chestis misuris a son aplicadis al inizi dome dentri dai viâi de circonvalazion, ma a saran slargjadis a dut il teritori comunâl se i limits a vignaran superâts par plui di sîs dîs. Par motivâ lis limitazions in maniere semplice e sintetiche a ducj i citadins, il Comun al à realizât depliants di pueste che a saran disponibii intes sedis des circoscrizions, li de anagrafe e intes sedis dai uficis comunâi. Cun di plui, sul sît de aministrazion comunâl (www.comune.udine.it) si puedin cjatâ gnovis pagjinis informativis dedicadis aes misuris antismog. “Calcolât che lis previsions dal Osmer no fasin traviodi cambiaments meteo iminents, o vin introdot lis misuris antismog pai prossims trê dîs – al sotlinee l’assessôr pe Cualitât de Citât Lorenzo Croattini –. In ogni câs o monitorarìn la situazion e se e ves di jessi cualchi evoluzion positive, cu la rivade di ploie o aiar, o revocarìn daurman il proviodiment”. Cemût che al sucêt simpri in chest periodi dal an, lis cundizions climatichis a gjenerin un contest caraterizât di standards cualitatîfs dal aiar bas. Al è chest il motîf che al à puartât a superâ trê voltis i nivei di pm10 inte zornade di sabide ai 13, domenie ai 14 e lunis ai 15 di Març, cuantificâts di dutis dôs lis stazions citadinis: lis centralinis di plaçâl Osoppo e di vie Manzoni a àn regjistrât un nivel di 66 e 62 mg/m³  il 13, 92 e 85 mg/m³  il 14 e 62 e 70 mg/m³  ai 15 di Març. “Lis infrazions di pm10 a son aromai avonde fissis in cheste stagjon e a rivuardin dut il teritori regjonâl – al motive Croattini –. Il plan che o vin introdot tal Fevrâr dal 2009 al cîr di blocâ i veicui che a incuinin di plui e di orientâ la citadinance viers compuartaments rivuardôs dal ambient e impostâts ae mobilitât sostignibile”. Lant daûr di cheste filosofie e segnant un cambiament net di rote a pet dal passât, l’an passât la zonte comunâl e à aprovât l’inzornament dal Plan di Azion Comunâl, il protocol là che a son contignudis lis azions di emergjence di meti in vore tal câs che passin i limits fissâts de normative in teme di cualitât dal aiar. Il gnûf Plan di Azion Comunâl, che al scate dopo dal tierç dì consecutîf che si supere il valôr limit di un dai incuinants aciertât in almancul une des dôs centralinis (cu la contemporanie infrazion dal superament dal 80% dal valôr limit di chê altre), al ven metût in vore tacant dal cuart dì in assence di previsions meteorologjichis che a previodin cundizions favorevulis ae dispersion dal incuinant. Chescj proviodiments straordenaris no vegnin aplicâts ni ai mieçs assegnâts al traspuart public (bus-taxi-veturis a nauli cun conducent) e nancje ai veicui a trazion eletriche o alimentâts a idrogjen, a metan o a GPL. Cun di plui, intai dîs che a son previodûts proviodiments di fermade dal trafic, e je previodude ancje la limitazion dal esercizi dai implants di riscjaldament alimentâts a gasoli, vueli combustibil e a lens (cheste proibizion no ven aplicade aes cjalderiis cun filtri antiincuinament). Chest proviodiment, che nol rivuarde ospedâi, ricovars, cjasis di cure e assimilâts e nancje scuelis maternis e asîi nît, al consist inte riduzion di 4 oris di ûs zornalîr (di 14 oris di esercizi corint a 10 oris di esercizi limitât) e in dut câs intal contigniment de temperadure interne dai edificis fin al massim di 19°C (di 20°C).