[:it]Gli esiti dei sondaggi dopo due giorni di lavori[:fu]I risultâts dai scandais dopo doi dîs di lavôrs

Piazza XX Settembre, nessun reperto
archeologico a due metri di profonditàPlace XX Settembre, nissun repert
archeologjic a doi metris di profonditât

[:it]Honsell: “Non si esclude che a maggiori profondità ci possano essere resti,
ma per i lavori di pedonalizzazione non scaveremo oltre un metro”[:fu]Honsell: “No si esclût che plui insot a puedin jessi rescj,
ma pai lavôrs di pedonalizazion no sgjavarìn par plui di un metri”

Nessun reperto archeologico a un metro di profondità, ma soltanto macerie e materiale di riporto proveniente con tutta probabilità da demolizioni di edifici preesistenti. Soltanto in due punti della piazza, entro i due metri di profondità,

Nissun repert archeologjic a un metri di profonditât, ma dome rudinis e materiâl di ripuart che, cun dute probabilitât, al ven di demolizions di edificis preesistents. Dome in doi ponts de place, in doi metris di profonditât, al è stât cjatât cualchi nivel di materiâi no di ripuart, ma in dut câs nissun repert che si puedi dâ une datazion specifiche. Al è chest il risultât des investigazions, prescritis de Sorintendence archeologjiche, che al à dât za vie libare ai lavôrs inte place.

La dite Simonetti, sot dal voli atent dai esperts de Sorintendence e dai tecnics dal Comun, e à realizât 6 carotaments, in zonis diviersis, distribuidis sui ôrs e tal mieç de place (doi bande di vie Stringher, doi a Nord de place, bande il “Zenith”, un te direzion dal palaçut venezian e un a Ovest, in corispondence de edicule), in maniere di formâ une crôs e fâ une sezion ricostrutive, a une profonditât massime di 2 metris e mieç, par permeti di cjatâ altris informazions su la stratigrafie dai dipuesits dal plateatic.

“Dai scandais e je vignude fûr une serie articolade di nivei di ripuart caraterizâts de presince di rudinis – e ilustre Angela Borzacconi, archeolighe incargade dal Comun di Udin par seguî la leture dai carotaments, in colaborazion cui tecnics de Sorintendence – Al è materiâl “di ripuart”, o sedi rudinis derivadis, si pense, de demolizion dai edificis preesistents su la place. Il fin dai lavôrs al jere chel di verificâ la schirie stratigrafiche esistente e valutâ lis carateristichis di chestis stratificazions. Nol è stât cjatât nissun repert archeologjic – e continue la Borzacconi -. I unics nivei che ur disin “in posto”, duncje no rudinis, a son stâts cjatâts in cualchi pont inte part plui ocidentâl e in chê orientâl de place. Par ce che si pues pensâ a son  nivei di podê ascrivi ae tipologjie di ort, a plui di doi metris di profonditât. In dut câs, no son reperts che a datin, val a dî cun elements cronologjics. Cun di plui, i carotaments a àn metût in evidence la presince di strâts intal teren di nature savalonose e glereose. Di chestis analisis, duncje, o vin la conferme che la place esistente e nas suntune serie di nivei di rudinis, plui alts rispiet al nivel esistent tra la place e la strade”. Nissun rest archeologjic duncje al è vignût fûr dai campions gjavâts tal teren sot de place. “O vin cirût i rescj de Glesie di Sante Barbare ma no ju vin cjatâts” al specifiche ancje il gjeolic Roberto Simonetti, un dai titolârs de imprese che e à fat i lavôrs.

“No si pues escludi che plui insot a puedin jessi rescj archeologjics – al sclarìs il sindic Furio Honsell –. In ogni câs, il nestri intervent pe pedonalizazion al rivuardarà une profonditât massime di un metri par sistemâ une desene di pocits”. Confermâts, duncje, ancje i timps pe pedonalizazion de place. “I lavôrs – e ilustre Gianna Malisani, assessôr pe Gjestion urbane – a previodin intervents di plui o mancul 50 centimetris su dut il plateatic, cuntune desene di pocits che a laran fin a une profonditât massime di un metri. I lavôrs a scomençaran dentri di Jugn e, se lis cundizions metereologjichis lu permetaran, a finiran in Autun”.

La analisi de stratigrafie fate in chescj doi dîs di lavôrs su place dal Gran e jentrarà intune relazion detaiade che e sarà consegnade al Comun jenfri un pâr di setemanis plui o mancul. Si tornarà a vierzi la place in maniere regolâr za inte serade di vuê, miercus ai 7 di Avrîl.

sono stati trovati alcuni livelli di materiali non di riporto, ma comunque nessun reperto a cui si possa dare una datazione specifica. È questo l’esito delle indagini, prescritte dalla Soprintendenza archeologica, che ha dato già il via libera ai lavori nella piazza.

La ditta Simonetti, sotto l’occhio vigile degli esperti della Soprintendenza e dei tecnici del Comune, ha realizzato 6 carotaggi, in zone diverse, distribuite sui bordi e al centro della piazza (due verso il lato di via Stringher, due verso il lato nord della piazza, vero lo “Zenith”, uno verso il palazzetto veneziano e uno sul lato ovest in corrispondenza all’edicola), in modo da formare una croce e fare una sezione ricostruttiva, a una profondità massima di 2 metri e mezzo, per permettere di reperire ulteriori informazioni sulla stratigrafia del sedime del plateatico. 

“Dai sondaggi è emersa una serie articolata di livelli di riporto caratterizzati dalla presenza di macerie – illustra Angela Borzacconi, archeologo incaricato dal Comune di Udine per seguire la lettura dei carotaggi, in collaborazione con i tecnici della Soprintendenza – Si tratta di materiale “di riporto”, ovvero macerie verosimilmente derivate dalla demolizione degli edifici preesistenti sulla piazza. Lo scopo dei lavori era quello di verificare la sequenza stratigrafica esistente e valutare le caratteristiche di queste stratificazioni. Non è stato trovato nessun reperto archeologico – continua Borzacconi -. Gli unici livelli cosiddetti “in posto”, dunque non macerie, sono stati trovati in alcuni punti nella parte più occidentale e in quella orientale della piazza. Presumibilmente si tratta di alcuni livelli ascrivibili alla tipologia di orto, oltre i due metri di profondità. Non ci sono comunque reperti “datanti”, ovvero con elementi cronologici. I carotaggi hanno inoltre messo in evidenza la presenza di strati nel terreno di natura sabbiosa e ghiaiosa. Da queste analisi dunque abbiamo la conferma che la platea esistente sorge su una serie di livelli di macerie, più alti rispetto al livello esistente tra la piazza e la strada”. Nessun resto archeologico è dunque emerso dai campioni prelevati dal sottosuolo della piazza. “Abbiamo cercato i resti della Chiesa di S. Barbara ma non li abbiamo trovati” specifica anche il geologo Roberto Simonetti, uno dei titolari dell’impresa che ha eseguito i lavori. 

“Non si può escludere che a profondità maggiori ci possano essere resti archeologici – spiega il sindaco Furio Honsell –. In ogni caso, il nostro intervento per la pedonalizzazione riguarderà una profondità al massimo di un metro per sistemare una decina di pozzetti”. Confermata dunque anche la tempistica per la pedonalizzazione della piazza. “I lavori – illustra Gianna Malisani, assessore alla Gestione urbana – prevedono interventi di circa 50 centimetri su tutto il plateatico, con una decina di pozzetti che andranno fino ad una profondità massima di un metro. Si comincerà entro giugno e condizioni metereologiche permettendo i lavori termineranno in autunno”. 

L’analisi della stratigrafia realizzata in questi due giorni di lavori su piazza XX Settembre confluirà in una relazione dettagliata che sarà consegnata al Comune fra un paio di settimane circa. La piazza sarà regolarmente riaperta già nella serata di oggi, mercoledì 7 aprile.