L’ingegnere friulano ha vinto la gara di pi greco a memoria
che si è svolta venerdì 14 marzo a Udine per il “Pi greco day”

Pi greco a memoria:
Nicola Pascolo si conferma campione

Pascolo, recordman italiano con ben 6.935 cifre, in questa
edizione ha toccato quota 4.954 decimali recitati a memoria

Il recordman friulano del pi greco a memoria, Nicola Pascolo, si conferma anche quest’anno campione della specialità. Dopo aver centrato, nel 2012, il record italiano con ben 6.935 cifre, venerdì 14 marzo l’ingegnere di Variano si è piazzato nuovamente al primo posto della gara di pi greco a memoria arrivando a quota 4.954 cifre riportate. Trentanove anni, residente a Variano di Basiliano, Pascolo ha arricchito con un altro successo una ricca e variegata bacheca.

Oltre a essere un fuoriclasse dei numeri l’ingegnere friulano è infatti anche campione del mondo di fisarmonica e vincitore di una puntata della trasmissione “La Corrida” di Gerry Scotti nel 2005. Due lauree, ingegneria meccanica e gestionale, e una terza (Relazioni pubbliche) in arrivo, Pascolo sfrutta proficuamente la sua straordinaria memoria fotografica anche nelle lingue: conosce perfettamente l’inglese, il francese e lo spagnolo e sta studiando anche il cinese, il giapponese, il russo, il tedesco, e il portoghese.

Nella gara di pi greco a memoria, organizzata dal Comune di Udine e dalla sezione udinese di Mathesis nell’ambito delle iniziative per il “Pi greco day”, l’originale ricorrenza che ogni 14 marzo onora la scienza e la matematica, l’ingegnere friulano ha preceduto Matteo Di Cianni (4.690 cifre), Massimiliano Masala (1.800), Gianluigi Nalio (1.319), Denis Turello (1.026), Mara Brescianini (845) e Giuliano Migliarini (510). A questi concorrenti, che si sono cimentati scrivendo la sequenza numerica, si aggiungono poi due ragazze, una delle quali di soli 13 anni, che hanno enunciato le cifre del pi greco a memoria, superando le centinaia di decimali. “Mi fa particolarmente piacere – commenta il sindaco di Udine, Furio Honsell – il fatto che a questa, come alle tante altre attività organizzate dal Comune per promuovere la matematica e la scienza, abbiano partecipato cittadini di tutte le età, dai ragazzi alle persone più in là con gli anni”.