Per il progetto “L’Orto e la Luna”
dell’ufficio Agenda 21

Orti urbani, nuovo riconoscimento
nazionale per il Comune di Udine

Il capoluogo friulano si è aggiudicato la settima edizione del
premio nazionale “Comuni Virtuosi” nella categoria “Nuovi stili di vita”

Per aver “attivato percorsi concreti e inclusivi, mirando ad una maggior consapevolezza dei comportamenti quotidiani di ognuno al cospetto della Terra e dei Popoli che la abitano”. Con questa motivazione il Comune di Udine si è aggiudicato in questi giorni la settimana edizione del premio nazionale “Comuni Virtuosi” per il progetto “L’Orto e la Luna”. Il prestigioso riconoscimento assegnato dall’associazione nazionale dei Comuni Virtuosi ha premiato l’amministrazione del capoluogo friulano per l’innovativa formula degli orti urbani inaugurati sul territorio cittadino nel corso del precedente mandato. Il premio, dedicato alla categoria “Nuovi stili di vita”, è stato consegnato nei giorni scorsi a Senigallia all’assessore alla Pianificazione territoriale, Carlo Giacomello, e al personale dell’ufficio Agenda 21, alla presenza di giornalisti, tecnici e delegazioni provenienti da tutta Italia.

“Ancora un riconoscimento che conferma il ruolo di Udine quale punto di riferimento a livello nazionale – sottolinea Giacomello –. Un premio all’insegna dell’innovazione e nello stesso tempo della tradizione, che non può che far onore all’amministrazione, che ha scommesso su questa iniziativa, e all’intera città. Perché i veri protagonisti sono i cittadini, sia quelli direttamente coinvolti, sia quelli che in varie forme sostengono questa buona pratica del vivere sano, che concilia lo star bene personale con lo spirito aggregativo. Il nostro impegno è quello di ampliare e far crescere ancora il progetto, nonostante le difficoltà legate alle limitazioni di spesa imposte dal bilancio. Abbiamo in cantiere altre iniziative e continueremo a lavorare per realizzarle. Ringrazio tutti quelli che hanno reso possibili questi risultati – conclude Giacomello –, dal sindaco Furio Honsell che ha sempre creduto nella potenzialità del progetto, al mio predecessore Mariagrazia Santoro, all’ufficio di Agenda 21, alle varie associazioni e ai volontari che ci hanno affiancato e naturalmente a tutti gli ortisti: il premio è loro”.

L’associazione nazionale Comuni Virtuosi, che si propone di promuovere e divulgare le iniziative che tutelano ambiente, territorio e comunità con azioni concrete, con responsabilità e buon senso, ha valutato, nell’assegnazione del premio, gli effetti positivi degli orti urbani sulla società e sul territorio, i vantaggi in termini di autoproduzione, il risparmio energetico che ne deriva, la capacità di ridurre l’impronta ecologica e migliorare la qualità della vita dei cittadini, la tutela del paesaggio e della biodiversità.

Il progetto degli orti urbani, curato dall’ufficio Agenda 21 del Comune di Udine, è attivo ormai da più di tre anni, e ha coinvolto attivamente migliaia di cittadini. “Non si tratta infatti di “semplici” lotti da coltivare – spiega Giacomello –, ma di un vero e proprio movimento culturale che offre alla città mostre, corsi, visite guidate, eventi”. Ogni primavera ad esempio si svolgono corsi gratuiti aperti a tutti, grazie alla collaborazione tra il Comune e vari operatori del settore agricolo (Coldiretti, Aiab, aziende udinesi e altri), mentre diverse associazioni assegnatarie degli orti offrono esempi pratici come percorsi di orto terapia, orti botanici, sussistenza economica, attività sociali.

Inoltre, in ciascuna delle quattro aree che ospitano gli orti cittadini – via Bariglaria, via Pellis, via Zucchi e via Zugliano – è stato eletto un comitato di gestione: gli assegnatari quindi non solo collaborano tra loro, ma si confrontano con la democrazia partecipativa e l’impegno civico, ricostruendo nel contempo il tessuto sociale dei quartieri, il senso di comunità. “È così che anziani, famiglie con figli, single, scuole, associazioni – sottolinea Giacomello – si ritrovano in questi nuovi centri di aggregazione, imparando a conoscersi e ad aiutarsi a vicenda”.

Il (P)ortolano, periodico stagionale curato dall’ufficio Agenda 21, racconta queste esperienze, accompagnandole con consigli di coltivazione, ricette, storie e interviste, portando l’esempio udinese ben oltre i confini regionali. La risonanza dell’iniziativa ha anche portato dal 2012 l’amministrazione udinese al vertice della rete nazionale degli orti urbani promossa da Coldiretti e Fondazione Campagna Amica e nel contempo ha richiamato a Udine delegazioni internazionali di tecnici e Amministratori a studiare il progetto per esportarlo nei rispettivi Paesi (Inghilterra, Francia, Portogallo, Austria e altri). Il riconoscimento per i “nuovi stili di vita” da parte dell’associazione nazionale Comuni Virtuosi segue infine di pochi mesi quello conferito a Udine dall’Agenzia Italiana per la Campagna e l’Agricoltura Responsabile ed Etica. Per informazioni sugli orti urbani udinesi: ufficio Agenda 21 del Comune di Udine (tel. 0432 271615 – 525, mail agenda21@comune.udine.it, sito www.comune.udine.it/agenda21).