Entrano nel vivo i laboratori
di cittadinanza di Damatrà

Oltre 500 bambini
a scuola di “Diritti e rovesci”

L’iniziativa, promossa dall’assessorato all’Istruzione, porterà 24 classi delle scuole
primarie a riflettere su varie tematiche, dalla cittadinanza attiva ai diritti umani

Entrano nel vivo i laboratori di cittadinanza “Diritti e Rovesci” rivolti ai bambini e alle bambine delle scuole primarie di Udine, promossi dall’assessorato comunale all’Istruzione in collaborazione con le direzioni didattiche della città. Il progetto, ideato e realizzato dalla cooperativa Damatrà con il sostegno di Coop Consumatori Nordest, nasce sulla scia di quanto sperimentato lo scorso anno sul tema del diritto all’acqua, e si propone di avvicinare i piccoli al tema più ampio dei “diritti umani”, favorendo la costruzione di una cittadinanza attiva e la valorizzazione della dimensione propositiva dell’infanzia. Obiettivo infatti è quello di continuare a riflettere con i bambini delle 24 classi coinvolte sul tema del futuro e sulla  possibilità di costruire con gli adulti di domani una cultura della scelta e della responsabilità.

Sono oltre 500 gli alunni che per tutto il mese di marzo saranno coinvolti nel percorso maieutico che farà tappa prima a palazzo D’Aronco per incontrare le istituzioni cittadine e poi a scuola per confrontarsi su chi sono i bambini, cosa vogliono, cosa non vogliono, che cosa possono e non possono, quali sono i loro desideri e le loro attese rivolte al mondo che li circonda. Attraverso la narrazione, l’ascolto e il fare creativo, ai giovani cittadini sarà così offerta la possibilità di riflettere criticamente su queste tematiche, esprimere il proprio pensiero e i loro desideri  e, soprattutto, di partecipare alla costruzione della collettività. A conclusione del percorso, le idee, i pensieri, le immagini dei bambini saranno restituiti all’opinione pubblica grazie alla realizzazione di un calendario che offrirà ogni mese l’occasione di ripensare che i diritti umani sono veri solo se iniziano in piccoli luoghi, coinvolgono tutti, senza discriminazioni.