Ancora online per una settimana il questionario rivolto ai cittadini

Nuovo sito internet,
il Comune raccoglie idee

Coppola: “Entro l’anno sarà online il nuovo sito. Per questo abbiamo iniziato
un processo partecipativo che sia utile alla realizzazione
di uno strumento sempre più usato dai cittadini”

Lo consultano spesso, soprattutto per cercare informazioni su iniziative ed eventi, uffici e modulistica. vogliono una grafica moderna e invogliante, più pagine dedicate ai turisti, uno spazio a disposizione dei cittadini, maggiore chiarezza nel reperimento delle notizie riguardanti gli uffici, i recapiti telefonici, email e gli orari di apertura al pubblico, ma anche quali pratiche possono essere svolte online.Questo chiedono, e stanno ancora chiedendo i questi giorni, gli udinesi che hanno risposto fin’ora al questionario online “Il Comune sul web: la parola al cittadino”, il sondaggio pubblicato sul sito internet di palazzo D’Aronco (www.comune.udine.it) pensato per coinvolgere tutti i cittadini nelle scelte future che porteranno entro l’anno a pubblicare il nuovo sito istituzionale del Comune. Poche domande per capire quanto il sito venga utilizzato, per che cosa, quali informazioni ci si aspetta di trovare e a cosa invece non si è interessati.

“Vogliamo costruire un sito internet funzionale e facilmente fruibile – spiega l’assessore all’E-Governemet, Paolo Coppola –, che sia aperto anche ai social media sempre più utilizzati dai cittadini. Per arrivare a questi risultati – prosegue – abbiamo voluto intraprendere un processo partecipativo che coinvolga sul web tutti, residenti e non, in modo tale da arrivare a un impianto strutturale del sito che possa essere il più possibile accessibile e utile a rispondere alle diverse necessità degli utenti. Per fare questo – conclude – ogni suggerimento che i cittadini vorranno dare sarà utile e prezioso”.

L’idea di creare un nuovo sito parte da lontano e rientra anch’essa all’interno di un processo partecipativo iniziato con il barcamp dell’ottobre scorso, una “non conferenza” in cui tutti i partecipanti hanno contribuito con le proprie idee e i propri suggerimenti al miglioramento della rete. Ma non solo. Perché si è da poco conclusa, in collaborazione con l’università di Siena che ha coordinato un progetto nazionale, l’indagine specifica ai social network per valutare quali strumenti utilizzino i cittadini e quali le richieste in merito.

Il questionario sarà online sulla home page sito del Comune ancora per una settimana, è anonimo e si compila in appena pochi minuti.