La decisione presa dalla giunta comunale

Modifiche alla destinazione
dei proventi delle multe

Così come previsto dal nuovo codice della strada, cambia il regolamento che prevede
di destinare non meno del 50% dei proventi a iniziative sulla sicurezza

Cambia il codice della strada e, di conseguenza, devono essere modificate anche le regole per la destinazione dei proventi derivanti dalle sanzioni amministrative 2010. La giunta comunale, su proposta dell’assessore al Bilancio Vincenzo Martines, infatti, ha corretto il regolamento in vigore, così come previsto dal nuovo codice della strada, approvato ad agosto scorsoe che stabilisce di destinare una quota non inferiore al 50% del proventi per diverse iniziative legate soprattutto alla sicurezza. Per il 2010 il Comune di Udine ha stimato nel bilancio previsionale un importo di 2 milioni e 100 mila euro, tenendo conto di tutte le pratiche che devono ancora entrare a ruolo e di quelle per cui sono stati avanzati ricorsi. Il 50%, ovvero 1 milione e 50 mila euro, dunque dovrà essere ripartito in base alla legge.

Un quarto dell’importo dovrà essere destinato a interventi di sostituzione, ammodernamento, potenziamento, messa a norma e manutenzione della segnaletica delle strade di proprietà del Comune.  Un quarto della quota, poi, dovrà essere spesa per il potenziamento delle attività di controllo e di accertamento delle violazioni in materia di circolazione stradale, anche attraverso l’acquisto di automezzi, mezzi e attrezzature dei corpi e dei servizi di polizia provinciale e di polizia municipale. A tutto questo si aggiungono spese relative ad altre finalità connesse al miglioramento della sicurezza stradale, all’installazione, all’ammodernamento, al potenziamento, alla messa a norma e alla manutenzione delle barriere e alla sistemazione del manto stradale, nonché alla redazione dei piani per la sicurezza stradale a tutela degli utenti deboli, quali bambini, anziani, disabili, pedoni e ciclisti.