Lunedì 30 maggio alle 17.30 in sala Ajace

“L’innovazione va in città”
premia le classi vincitrici

La seconda edizione dell’iniziativa del Comune assegnerà 13 lavagne multimediali
e il premio speciale, il cui contenuto sarà svelato nel orso delle premiazioni

Tredici lavagne interattive da assegnare e un premio speciale ancora top secret. È tutto pronto per l’atto finale del concorso “L’innovazione va in città”, che lunedì 30 maggio alle 17.30 in sala Ajace premierà i migliori progetti presentati dalle scuole udinesi.La seconda edizione dell’iniziativa del Comune di Udine mette in palio 13 lavagne di nuove generazione, dispositivi elettronici delle dimensioni di una tradizionale lavagna didattica, sui quali è possibile disegnare usando dei pennarelli virtuali oppure interagire con il computer toccando la lavagna stessa con un qualunque oggetto, o semplicemente con le dita. Quest’anno, inoltre, il concorso assegna anche un premio speciale, che sarà svelato e consegnato sempre lunedì nel corso delle premiazioni. Al concorso hanno aderito 51 classi delle scuole primarie e secondarie di primo grado statali udinesi presentando 40 elaborati digitali.

Il tema del concorso 2011 riguardava l’adozione di comportamenti responsabili e il rispetto delle regole in materia di ambiente e sicurezza. Le classi hanno realizzato pagine web, giornali  in formato pdf, giochi da tavolo illustrato da pubblicazione, videoclip, presentazioni multimediali o sequenze di foto digitali. Gli elaborati hanno raccolto tramite il web ben 4.236 voti e sono stati giudicati da una speciale giuria, presieduta dall’assessore all’Innovazione Paolo Coppola e composta dalla docente dell’università di Udine Raffaella Bombi, da Laura Bernardis della Pastorale Giovanile, da Filomena Avolio della Confartigianato e dai giornalisti Elena Commessatti del Messaggero Veneto e Vladimiro Tulisso del Gazzettino. L’edizione 2011 del concorso “L’innovazione va in città”, promosso dall’assessorato all’Innovazione ed e-governement, è organizzato dal Servizio Sistemi Informativi e Telematici con la collaborazione dell’ufficio Progetti Educativi 3-14 anni.