In vista della pedonalizzazione della piazza, la giunta comunale
ha approvato un progetto di “rifunzionalizzazione integrata” dell’area

Libri, mercato e internet gratis
nel futuro di piazza XX Settembre

Quattro i filoni di intervento: wi-fi gratuito, ritorno all’antica
funzione di mercato della piazza, arredo urbano e bookcrossing

Mentre proseguono i lavori di pedonalizzazione del plateatico, l’amministrazione comunale pensa già al futuro assetto di piazza XX Settembre. Proprio in quest’ottica la giunta ha approvato il progetto di “rifunzionalizzazione integrata del sistema di piazza XX Settembre”,

un insieme di interventi che si affianca alla riqualificazione del piano rialzato della piazza. Il progetto, finanziato da un contributo regionale di circa 69.900 euro, integrato con fondi propri del Comune per circa 26.500 euro, si svilupperà su quattro filoni: la dotazione dell’area di un servizio wi-fi gratuito e di un totem informativo, il ritorno all’antica funzione di mercato della piazza, il posizionamento dell’arredo urbano e l’organizzazione di spazi per il bookcrossing e l’animazione urbana. “La riqualificazione di piazza XX Settembre permetterà di avere un centro storico ancora più vivo, attraente e frequentato – commenta il sindaco di Udine Furio Honsell –, aumenterà l’area pedonale del centro storico, ormai caratteristica tipica di tutte le città e europee e permetterà anche di riequilibrare l’attuale utilizzo di piazza Matteotti”.

Questo intervento integrativo di qualificazione di piazza XX Settembre partirà una volta conclusi i lavori di sistemazione del plateatico, quando sarà possibile spostare il mercato, almeno temporaneamente, dall’attuale sede di piazza Matteotti. “La conclusione dell’intervento sul plateatico di piazza XX Settembre – spiega l’assessore alla Gestione Urbana Gianna Malisani –, per il quale i lavori stanno procedendo senza intoppi e nei tempi previsti, ci consentirà di spostare il mercato per intervenire sulla pavimentazione di piazza Matteotti. Più in generale avere un altro sito attrezzato adatto a ospitare i mercati cittadini ci permetterà di gestire al meglio gli spazi del centro storico”. Oltre al tradizionale mercato del martedì, giovedì e sabato piazza XX Settembre potrebbe ospitare anche un “farmer market” settimanale, il mercato di prodotti agricoli venduti direttamente dal produttore al consumatore. “Con uno spazio dedicato alla filiera corta del mercato agricolo – sottolinea l’assessore alle Attività Economiche Vincenzo Martines – potremmo anche rilanciare un servizio commerciale di prossimità a sostegno della crescente popolazione anziana che risiede in centro città”.

Nella visione dell’amministrazione comunale la piazza modificherà la sua funzione da area di mercato a spazio di socializzazione nell’arco della giornata, soprattutto grazie all’introduzione del bookcrossing, l’ormai diffuso sistema di scambio dei libri all’aperto. Il Comune aderirà al circuito internazionale del bookcrossing, attrezzando appositamente uno spazio con panchine e contenitori per lo scambio dei libri e la lettura. Non solo, perché piazza XX Settembre si caratterizzerà quale luogo per lo svago e il tempo libero ad alto contenuto di servizi tecnologici. L’area sarà dotata infatti di una connessione wi-fi gratuita, con la possibilità, in un secondo momento, di allargare il servizio anche al resto del centro storico. “Per la copertura – spiega l’assessore all’Innovazione Paolo Coppola – abbiamo scelto un sistema che permetta di estendere facilmente la rete con il contributo di altri soggetti. Penso ad esempio all’università, che potrebbe allargare il servizio ai suoi studenti, o a commercianti ed esercenti, che potrebbero inserirsi posizionando autonomamente degli hotspot. Il punto d’arrivo – conclude Coppola – potrebbe essere quello di creare una grande copertura “senza fili” del centro storico con il contributo di tutti”. Al servizio wi-fi si aggiungerà poi il posizionamento di un totem informativo e interattivo fuori dal plateatico sul lato dell’albergo Astoria. “Si tratta di uno strumento in grado di offrire informazioni sia turistiche sia di tipo amministrativo – illustra Coppola – e che quindi potrà essere di utilità ai turisti in visita in città, ma anche ai cittadini che devono inoltrare una pratica in Comune”. Tutti questi interventi saranno progettati e realizzati in forma partecipata. “Il percorso passerà attraverso un dialogo stretto con le categorie economie cittadine – spiega Martines – e proprio per questo programmeremo una serie di incontri di presentazione e confronto degli interventi in progetto”.