[:it]La manifestazione sarà dedicata all’area delle risorgive[:fu]La manifestazion e sarà dedicade ae aree des risultivis

L'edizione 2010 di Friuli Doc
si svolgerà dal 16 al 19 settembreLa edizion 2010 di Friuli Doc
si fasarà dai 16 ai 19 di Setembar

[:it]Decisione presa dal tavolo tecnico fra Comune, Provincia, Camera di commercio,
Ersa, Turismo FVG, Confartigianato e Confcommercio[:fu]Decision cjapade de taule tecniche fra Comun, Provincie, Cjamare di Cumierç,
Ersa, Turismo FVG, Confartesanât e Confcumierç

friuli doc_209La XVI edizione di Friuli Doc si svolgerà dal 16 al 19 settembre 2010 e sarà dedicata all’area delle risorgive del Friuli Centrale. È quanto è emerso dal tavolo tecnico coordinato nelle scorse settimane dall’assessorato alle Attività Turistiche del Comune di Udine,

friuli doc_209La edizion numar XVI di Friuli Doc si fasarà dai 16 ai 19 di Setembar dal 2010 e e sarà dedicade ae aree des risultivis dal Friûl di Mieç. Al è ce che al è vignût fûr de taule tecniche coordenade intes setemanis passadis dal assessorât aes Ativitâts Turistichis dal Comun di Udin, nel quale rientrano la Camera di commercio di Udine, la Provincia, l’Ersa, Turismo FVG, Confartigianato e Confcommercio. “Abbiamo istituito un gruppo di lavoro allargato – spiega il vicesindaco e assessore alle Attività Turistiche Vincenzo Martines – per condividere le scelte con tutti i soggetti coinvolti nell’organizzazione della manifestazione. Tra le decisioni condivise dal tavolo tecnico c’è ovviamente anche quella della data, soprattutto in considerazione dei tanti eventi in programma ogni anno proprio a settembre”.

La kermesse dei sapori e dei mestieri del Friuli Venezia Giulia, dedicata ogni anno a una porzione diversa del territorio regionale, in questa edizione avrà come protagonista l’area dei risorgive compresa tra Udine, Codroipo e Palmanova. “È un’area di grande pregio ambientale ed enogastronomico – commenta Martines –. Sono certo che saprà essere un importante valore aggiunto per tutta la manifestazione”. Il tavolo tecnico di Friuli Doc continuerà i suoi incontri anche nei prossimi mesi, anche per affrontare i nodi legati alle scelte logistiche relative all’evento.

“Nonostante certe accuse infondate l’amministrazione comunale crede fortemente nella manifestazione – sottolinea Martines – e lo ha dimostrato confermando le stesse risorse del 2009 anche a fronte dei consistenti tagli al bilancio di quest’anno. Già nella scorsa edizione abbiamo smentito con i fatti chi criticava la scelta di limitare l’evento agli operatori del Friuli Venezia Giulia, rinunciando alla partecipazione degli stand di Stiria e Carinzia: non solo l’affluenza del pubblico non ne ha risentito, ma a ringraziarci sono stati proprio gli operatori regionali, cui è dedicata la manifestazione. Forse negli anni si è un po’ dimenticato – conclude Martines – che Friuli Doc nasce come vetrina del territorio regionale”.

Anche quest’anno, intanto, non mancheranno novità alla kermesse, grazie alla collaborazione di tutti. “Stiamo lavorando per migliorare la manifestazione – spiega Martines –. Come abbiamo già dimostrato con piazza Primo Maggio, senza la quale molti pronosticavano edizioni flop di Friuli Doc, le criticità logistiche si possono gestire senza che l’evento ne risenta. Nell’ambito del tavolo tecnico stiamo valutando quali soluzioni adottare per sopperire alla mancanza di piazza XX Settembre e tra le possibilità c’è, come già preannunciato dai nostri partner, quella di spostare l’Ersa in piazza San Giacomo e la Camera di commercio in piazza Venerio”.là che a jentrin la Cjamare di Cumierç di Udin, la Provincie, l’Ersa, Turismo FVG, Confartesanât e Confcumierç. “O vin istituît un grup di lavôr slargjât – al sclarìs il vicesindic e assessôr aes Ativitâts Turistichis Vincenzo Martines – par condividi lis sieltis cun ducj i sogjets cjapâts dentri inte organizazion de manifestazion. Tra lis decisions condividudis de taule tecniche e je dal sigûr ancje chê de date, soredut tignint cont dai tancj avigniments che a son in program ogni an propit a Setembar”.

La rassegne dai savôrs e dai mistîrs dal Friûl, dedicade ogni an a une porzion divierse dal teritori furlan, in cheste edizion e varà tant che protagoniste la aree des risultivis cjapade dentri tra Udin, Codroip e Palme. “E je une aree di grant valôr ambientâl e enogastronomic – al comente Martines –. O soi sigûr che e savarà jessi un valôr zontât impuartant par dute la manifestazion”. La taule tecniche di Friuli Doc e larà indevant cui siei incuintris ancje intai mês che a vegnin, ancje par frontâ lis cuistions leadis aes sieltis logjistichis pal avigniment.

“Ancje se a son stadis ciertis acusis cence fonde, la aministrazion comunâl e crôt a fuart inte manifestazion – al rimarche Martines – e lu à dimostrât confermant chês stessis risorsis dal 2009 ancje se chest an  a son grues tais al belanç. Za inte edizion passade o vin fat cuintri cui fats a chei che a criticavin la sielte di limitâ l’avigniment ai operadôrs de regjon, rinunziant ae partecipazion dai bancuts di Stirie e Carinzie: no dome la afluence dal public no à patît, ma propit i nestris operadôrs, che ur è dedicade la manifestazion, nus àn dite graciis. Forsit intai agns si à dismenteât un pôc – al finìs Martines – che Friûl Doc al nas tant che vetrine dal teritori furlan”.

Ancje chest an, intant, no mancjaran novitât, in graciis de colaborazion di ducj. “O sin daûr a lavorâ par miorâ la manifestazion – al dîs Martines –. Cemût che o vin dimostrât za par Zardin Grant (che tancj a pronosticavin che cence ocupâlu Friuli Doc al sarès lât in sbrui), lis criticitâts logjistichis si puedin gjestî cence che l’avigniment al patissi. Inte taule tecniche o sin daûr a valutâ cualis soluzions cjapâ par belançâ la mancjance di Place dai Grans (Piazza XX Settembre) e tra lis pussibilitâts e je, cemût che a àn anticipât bielzà i nestris colaboradôrs, chê di meti l’Ersa in place Sant Jacum e la Cjamare di Cumierç in Place dai Lens (piazza Venerio)”.
La edizion numar XVI di Friuli Doc si fasarà dai 16 ai 19 di Setembar dal 2010 e e sarà dedicade ae aree des risultivis dal Friûl di Mieç. Al è ce che al è vignût fûr de taule tecniche coordenade intes setemanis passadis dal assessorât aes Ativitâts Turistichis dal Comun di Udin, là che a jentrin la Cjamare di Cumierç di Udin, la Provincie, l’Ersa, Turismo FVG, Confartesanât e Confcumierç. “O vin istituît un grup di lavôr slargjât – al sclarìs il vicesindic e assessôr aes Ativitâts Turistichis Vincenzo Martines – par condividi lis sieltis cun ducj i sogjets cjapâts dentri inte organizazion de manifestazion. Tra lis decisions condividudis de taule tecniche e je dal sigûr ancje chê de date, soredut tignint cont dai tancj avigniments che a son in program ogni an propit a Setembar”.
La rassegne dai savôrs e dai mistîrs dal Friûl, dedicade ogni an a une porzion divierse dal teritori furlan, in cheste edizion e varà tant che protagoniste la aree des risultivis cjapade dentri tra Udin, Codroip e Palme. “E je une aree di grant valôr ambientâl e enogastronomic – al comente Martines –. O soi sigûr che e savarà jessi un valôr zontât impuartant par dute la manifestazion”. La taule tecniche di Friuli Doc e larà indevant cui siei incuintris ancje intai mês che a vegnin, ancje par frontâ lis cuistions leadis aes sieltis logjistichis pal avigniment.
Ancje se a son stadis ciertis acusis cence fonde, la aministrazion comunâl e crôt a fuart inte manifestazion – al rimarche Martines – e lu à dimostrât confermant chês stessis risorsis dal 2009 ancje se chest an a son grues tais al belanç. Za inte edizion passade o vin fat cuintri cui fats a chei che a criticavin la sielte di limitâ l’avigniment ai operadôrs de regjon, rinunziant ae partecipazion dai bancuts di Stirie e Carinzie: no dome la afluence dal public no à patît, ma propit i nestris operadôrs, che ur è dedicade la manifestazion, nus àn dite graciis. Forsit intai agns si à dismenteât un pôc – al finìs Martines – che Friûl Doc al nas tant che vetrine dal teritori furlan”.
Ancje chest an, intant, no mancjaran novitât, in graciis de colaborazion di ducj. “O sin daûr a lavorâ par miorâ la manifestazion – al dîs Martines –. Cemût che o vin dimostrât za par Zardin Grant (che tancj a pronosticavin che cence ocupâlu Friuli Doc al sarès lât in sbrui), lis criticitâts logjistichis si puedin gjestî cence che l’avigniment al patissi. Inte taule tecniche o sin daûr a valutâ cualis soluzions cjapâ par belançâ la mancjance di Place dai Grans (Piazza XX Settembre) e tra lis pussibilitâts e je, cemût che a àn anticipât bielzà i nestris colaboradôrs, chê di meti l’Ersa in place Sant Jacum e la Cjamare di Cumierç in Place dai Lens (piazza Venerio