Lunedì 10 ottobre la consegna dei lavori

Lavori in piazza Matteotti,
c’è l’accordo Comune-Confcommercio

Honsell: “Come promesso apriamo il cantiere dopo Friuli Doc
e le ultime manifestazioni programmate sul plateatico”

Nel corso di un incontro avvenuto mercoledì 5 ottobre nella sede di Confcommercio in viale Duodo, Comune e commercianti hanno concordato l’avvio dell’intervento di riqualificazione di piazza Matteotti.Il sindaco Furio Honsell, insieme con gli assessori alla Mobilità Enrico Pizza, alla Gestione urbana Gianna Malisani e alle Attività economiche Vincenzo Martines, ha illustrato e condiviso con il presidente di Confcommercio Udine Giuseppe Pavan e con gli altri rappresentanti della categoria, le modalità di svolgimento dei lavori, che saranno consegnati lunedì 10 ottobre alla ditta Adriacos di Latisana.

“Come promesso – sottolinea Honsell – apriamo il cantiere dopo Friuli Doc e le ultime manifestazioni già programmate sul plateatico”. L’intervento, per il quale sono stati stanziati 250 mila euro, riguarderà la porzione sud del piano rialzato, la più danneggiata. “È un cantiere sul quale ci siamo impegnati ad avere la massima vigilanza – sottolinea Pizza – per cercare di ridurre al minimo i disagi alle attività economiche con l’obiettivo di restituire la piazza alla città entro aprile 2012”. L’area dei lavori sarà oggetto di un intervento radicale con la rimozione della pavimentazione lastra per lastra e il rifacimento parziale del sottofondo.

“Un intervento d’eccellenza – commenta Malisani – che verrà fatto d’intesa con la Sovrintendenza ai Beni culturali dato il vincolo esistente sulla piazza”. In base alle condizioni di ciascuna lastra sono previsti diversi tipi di lavorazioni: si passa dalla semplice pulizia dei bordi dai residui di sigillatura alla demolizione e l’asporto del sottofondo, dalla ricollocazione delle lastre nella posizione originaria, alla posa in opera di lastre in pietra piasentina, recuperate e restaurate. Ogni lastra sarà numerata e ricollocata nella posizione originaria. “Abbiamo chiesto a Confcommercio – spiega Martines – di indicarci delle date sensibili, come ad esempio Shopping Days e altre iniziative da loro ritenute importanti, per venire incontro alle loro esigenze e ridurre i disagi”.