Casa delle Donne

Come trasformare
vecchi indumenti in nuovi capi

''Re-fashion sartoriale' e
''Re-fashion tingendo e stampando''

casa_delle_donne

La Casa delle Donne di via Pradamano organizza, nei mesi di novembre e dicembre, due laboratori di riutilizzo di vecchi capi di abbigliamento.

Il primo, intitolato ”Re-fashion sartoriale”, si terrà nelle giornate di giovedì 16, 23 e 30 novembre, dalle 9.30 alle 12.30, e sarà un laboratorio per insegnare come trasformare vecchi indumenti in nuovi capi da re-indossare. Il corso è rivolto a donne di tutte le età, preferibilmente preparate sull’uso della macchina da cucire.

Partendo da capi esistenti, si svilupperanno nuovi modelli con il supporto della docente a disposizione per fornire consigli e aiutare nello sviluppo pratico delle idee. L’obiettivo principale del laboratorio è di stimolare la creatività per dare una nuova vita a modelli dimenticati nell’armadio.

I tre appuntamenti saranno così suddivisi: dopo l’introduzione alla tecnica, si andrà alla realizzazione delle modifiche sui capi scelti, con defilé finale. Per partecipare al laboratorio, sarà necessario portare una macchina da cucire (nel caso non siano disponibili, ne verranno messe a disposizione due dalla docente), filo da imbastire e poliestere, gessetti da sarta, carta da cartamodello, forbici e forbicine, stecca, squadra, matita, aghi, metro da sarta, spilli, elastici, passamanerie, nastri vari, bottoni (materiale da riusare), carta e penna per appunti, nonché, ovviamente, abiti usati da modificare.

Il secondo laboratorio, ”Re-fashion tingendo e stampando”, ovvero come rivitalizzare capi d’abbigliamento o accessori con la tintura e la stampa, avrà luogo invece nelle giornate di venerdì 17 e 24 novembre e 1 dicembre dalle 9.30 alle 12.30, e insegnerà come dare nuova vita ad un capo d’abbigliamento ricorrendo alle diverse tecniche di tintura e alla stampa. Nel corso dei tre appuntamenti si andrà a esplorare la tintura Shibori -antica tecnica di origine orientale- che permette di ottenere particolari effetti visivi utilizzando matrici naturali come foglie, verdure e piume.

I tre appuntamenti saranno così suddivisi: dopo una prima introduzione alla tecnica, ci sarà la scelta dei colori e realizzazione dei primi bagni di tintura, seguiti dai secondi bagni, la stampa sui capi d’abbigliamento e il defilé finale. Materiale necessario sono guanti, forbici, mollette da bucato in legno, elastici, ritagli di stoffa e capi di abbigliamento in fibra naturale preferibilmente di colore bianco, beige, o altri toni chiari.

Per iscrizioni e informazioni, ci si può rivolgere a Barbara Girardi, mail barbara_girardi@yahoo.it , cellulare 333-3831884.

Artigiana del feltro e docente, Barbara Girardi studia con passione materiali e tecniche tessili da oltre 15 anni. Ha partecipato a numerosi seminari d’approfondimento in Italia e all’estero inerenti in particolare le tecniche del feltro, della tintura shibori, della tintura naturale e sartoria. Ha iniziato la sua carriera professionale lavorando nel mondo del teatro presso laboratori di scenografia, sartoria, attrezzeria. Dal 2000 lavora il feltro sviluppando progetti relativi alla didattica, alla produzione su misura per privati/aziende e alla ricerca artistica. Di recente ha collaborato come artista esperta tessile per Explora il Museo dei bambini di Roma per il progetto europeo Weave, ed è stata tra il 2011 e 2013 educatrice responsabile del progetto Atelier tessile e di sartoria ”Sarte Da Marte” a Udine, e nel 2013 è stata esperta tessile e consulente per il progetto triennale Interreg Italia/Slovenia Lanatura.

#eventi