Istituti comprensivi, contributo
comunale per le connessioni internet

Una decisione della giunta comunale che ha approvato anche
un nuovo criterio di ripartizione dei fondi destinati a questo scopo

Il Comune di Udine sosterrà, con un contributo complessivo di 17 mila euro, le spese di connessione a internet dei cinque istituti comprensivi della città. Lo ha stabilito una decisione della giunta comunale, che nella seduta di martedì 9 luglio ha approvato anche un nuovo criterio di ripartizione dei fondi destinati a questo scopo. Una prima quota di contributo sarà concessa a ognuno dei cinque istituti comprensivi in misura pari al 25% dell’importo richiesto da ciascuno di essi, corrispondente alla spesa preventivata nel 2013.

A questa prima tranche di finanziamenti sarà aggiunto il costo per la connessione a internet da utilizzare in via esclusiva per la gestione del sistema “Crs Mense” in alcune scuole dell’infanzia che attualmente non sono collegate alla rete. Dopo la sperimentazione dello scorso anno, infatti, dal 2013-2014 sarà introdotto in pianta stabile il buono pasto elettronico, il nuovo sistema telematico che permetterà di gestire il pagamento delle mense scolastiche evitando code e inutili trafile agli sportelli comunali. “Dopo il successo della sperimentazione dello scorso anno in 11 plessi scolastici – sottolinea Raffaella Basana – quest’anno estenderemo il buono mensa elettronico a tutte le 45 scuole cittadine. Un servizio che semplificherà la vita di molte famiglie e molti cittadini”.

Una seconda parte di contributo per la connessione a internet, corrispondente al 30% della parte residuale del fondo disponibile, sarà ripartita fra i cinque istituti comprensivi in proporzione al numero di plessi scolastici di cui è composto ciascun istituto. Un’ultima quota di finanziamento, infine, sarà suddivisa fra i cinque istituti comprensivi in modo proporzionale al numero degli alunni presenti in ciascun istituto.