Mercoledì 30 marzo alle 18 in sala Ajace

Incontri con l’Autore
presenta la vita dei “cramars”

Raffaella Cargnelutti presenta il romanzo
“Il ritratto di Maria. Saga di una famiglia carnica al tempo dei cramars”

Mercoledì 30 marzo alle 18 in sala Ajace, per il ciclo degli “Incontri con l’Autore” organizzati dalla biblioteca civica e dall’assessorato alla Cultura del Comune di Udine, in collaborazione con il Club Unesco, sarà presentato il libro “Il ritratto di Maria. Saga di una famiglia carnica al tempo dei cramars” di Raffaella Cargnelutti, edito nel 2010 a Udine da Kappa Vu. La presentazione del romanzo è affidata a Gilberto Ganzer, direttore dei Civici Musei di Pordenone.

Maria è donna di Carnia, con la sua forza e la sua fragilità costretta, come tante altre, ad affrontare in vedovanza non solo le difficoltà del ruolo domestico, ma anche di quello sociale. Donne che già nel Settecento con la difficile vita dei “cramars” e, in tempi più recenti, con il dramma dell’emigrazione, restavano sole, senza i propri uomini, a capo di intere famiglie. Un delicato affresco della vita nella ricca Carnia, liberamente amministrata sotto la Repubblica di Venezia, quando le Alpi non costituivano un confine ma solo un passaggio geografico fra culture con molti più aspetti di condivisione che non di divisione. Storia, cultura, tradizioni, in un paesaggio ora fiabesco, ora terribile nella sua crudezza. Un ritratto che non è solo quello di Maria Straulino, “matriarca” di Cercivento, ma anche quello di tutta un’epoca.

Raffaella Cargnelutti (1957) è storica dell’arte e vive a Tolmezzo. Autrice di numerose pubblicazioni sulla ricerca e valorizzazione della pittura di paesaggio dell’Ottocento e Novecento in Friuli, ha curato diversi studi e monografie su artisti carnici. In corso di pubblicazione si ricorda uno studio su Gianfrancesco da Tolmezzo. “Il ritratto di Maria” è la sua prima prova narrativa.