[:it]Al via questa settimana i lavori su 14 vie cittadine[:fu]A partissin cheste setemane i lavôrs su 14 viis citadinis

Illuminazione pubblica:
proseguono i lavori di potenziamentoIluminazion publiche:
i lavôrs di potenziament a van indevant

[:it]Entro qualche mese saranno posizionati
oltre 300 punti luce con lampade di ultima generazione[:fu]Dentri di trê mês a saran metûts
plui di 300 ponts di lûs cun lampadis di ultime gjenerazion

illuminazionePartirà questa settimana l’ultima tranche del primo lotto di lavori di potenziamento dell’illuminazione pubblica in città. L’intervento, sul quale l’amministrazione comunale investe 600 mila euro, riguarderà 14 vie cittadine: Battistella, Bernardinis, Bertoli, Bidernuccio, Bison, Bufalini, Colussi, D’Artegna, Monte Grappa, Monte Nero,

illuminazioneE partirà cheste setemane la ultime part dal prin lot di lavôrs di potenziament de iluminazion publiche in citât. L’intervent, li che la aministrazion comunâl e invistìs 600 mil euros, al rivuardarà 14 viis citadinis: Battistella, Bernardinis, Bertoli, Bidernuccio, Bison, Bufalini, Colussi, D’Artegna, Monte Grappa, Monte Nero,Monte San Marco, Orologio, Tartagna, Tiepolo. Complessivamente, entro il 30 maggio 2010, verranno posizionati 165 punti luce con lampade a sodio ad alta pressione. Prosegue parallelamente, intanto, l’intervento relativo al secondo lotto, che interessa 17 strade della zona nord della città: Alba, Caposile, Cuneo, del Tiglio, Emilia, Gorizia, Liguria, Medea, Monte Lussari, Monte Mangart, Monte San Gabriele, Monte sei Busi, Oslavia, Romagna, Timavo, Toscana e Vat. In queste vie è prevista la sostituzione di altri 144 punti luce, per un investimento complessivo di circa 370 mila euro.

“Oltre a migliorare la sicurezza stradale – spiega l’assessore alla Mobilità Enrico Pizza – con questo intervento conseguiamo anche obiettivi di sostenibilità. Questo perché posizioneremo lampade di ultima generazione ad alto risparmio energetico e con un orientamento volto a ridurre l’inquinamento luminoso”. Le lampade sostituite, infatti, sono a sodio ad alta pressione, con una potenza che varia dai 70 ai 150 watt ciascuna. I nuovi impianti, che prenderanno il posto dei vecchi lampioni a lampade fluorescenti e a vapori di mercurio, consentiranno inoltre di ridurre il flusso luminoso e, conseguentemente, la potenza assorbita nelle fasce orarie di minor traffico. Ma i nuovi punti luce consentiranno da un lato una maggiore prestazione e al contempo un notevole risparmio energetico. Il totale della potenza assorbita dall’attuale impianto di illuminazione è di 15.490 W, mentre quello nuovo sarà di 16.675 W. Nonostante l’incremento, però, per effetto della nuova tipologia di lampade e della riduzione del flusso luminoso si ottiene come risultato un risparmio annuo pari a 17.471 kWh.

“Un modo efficace – conclude Pizza – per coniugare sicurezza, sostenibilità ambientale e risparmio economico per tutti i cittadini. Va sottolineato poi il fatto che in un periodo di crisi economica come quella che stiamo vivendo, il Comune investe risorse economiche per l’esecuzione di tante opere, creando così opportunità di lavoro per moltissime persone e mettendo in moto l’economia non soltanto relativa al singolo lavoro, ma a tutto l’indotto”.




Monte San Marco, Orologio, Tartagna, Tiepolo. In totâl, dentri dai 30 di Mai dal 2010, a vignaran metûts 165 ponts di lûs cun lampadis a sodi a alte pression. Al va indevant in paralêl, intant, l’intervent pal secont lot, che al interesse 17 stradis de zone Nord de citât: Alba, Caposile, Cuneo, del Tiglio, Emilia, Gorizia, Liguria, Medea, Monte Lussari, Monte Mangart, Monte San Gabriele, Monte sei Busi, Oslavia, Romagna, Timavo, Toscana e Vat. In chestis viis e je previodude la sostituzion di altris 144 ponts di lûs, par un invistiment complessîf di plui o mancul 370 mil euros. “In plui di miorâ la sigurece stradâl – al sclarìs l’assessôr pe Mobilitât Enrico Pizza – cun chest intervent o otignìn ancje obietîfs di sostignibilitât. Chest parcè che o metarìn lampadis di ultime gjenerazion a alt sparagn energjetic e cuntun orientament che al puarte a ridusi l’incuinament luminôs”. Di fat, lis lampadis sostituidis, a son a sodi a alte pression, cuntune potence che e va dai  70 ai 150 watt ognidune. I implants gnûfs, che a cjaparan il puest dai vecjos ferâi a lampadis fluoressentis e a vapôrs di mercuri, a permetaran ancje di ridusi il flus luminôs e, di consecuence, la potence assorbide intes fassis orariis cun mancul trafic. Ma i gnûfs ponts di lûs a permetaran une prestazion miôr e al timp stes un sparagn energjetic notevul. Il totâl de potence assorbide dal implant di iluminazion di cumò e je di 15.490 W, intant che chel gnûf al sarà di 16.675 W. Cundut de incressite, però, par efiet de gnove tipologjie di lampadis e de riduzion dal flus luminôs, si oten un sparagn di 17.471 kWh intun an. “Un mût eficaç – al conclût Pizza – par coniugâ sigurece, sostignibilitât ambientâl e sparagn economic par ducj i citadins. Al va sotlineât ancje il fat che intun periodi di crisi economiche tant che chê che o sin daûr a vivi, il Comun al invistìs risorsis economichis pe esecuzion di tantis oparis, creant cussì oportunitâts di lavôr par cetantis personis e metint in moviment la economie no dome relative al lavôr singul, ma a dut l’indot”.