Per eseguire l'intervento il tratto di via Gorizia compreso
tra via Redipuglia e viale Vat sarà chiuso al transito tra il 15 e il 31 luglio

Illuminazione pubblica:
proseguono i lavori del secondo lotto

Continua la sostituzione dei punti luce con altri
di nuova generazione più efficienti e ad alto risparmio energetico

Prosegue il secondo lotto di lavori relativi al potenziamento dell’illuminazione pubblica nelle strade cittadine. Dopo la prima fase, iniziata nell’ottobre 2009 per un importo di 600 mila euro e dopo il via anche della seconda tranche, continua la sostituzione dei punti luce da parte di Amga per conto del Comune di Udine in 17 strade della zona Nord della città per un importo complessivo di quasi 370 mila euro.

 Tra il 15 e il 31 luglio sarà via Gorizia, nel tratto compreso tra via Redipuglia e viale Vat, a essere interessata dai lavori. Per questo periodo nell’area del cantiere entrerà in vigore il divieto di transito. La circolazione sarà deviata pertanto lungo viale Vat, piazzale Chiavris, piazza Medaglie d’Oro e via Montegrappa. Il percorso sarà garantito con la sospensione del senso unico di circolazione in viale Vat (nel tratto tra via Montello e piazzale Chiavris), dove sarà pertanto temporaneamente possibile il doppio senso di circolazione. Compatibilmente con i lavori in atto sarà consentito il transito dei residenti e dei veicoli commerciali. Inoltre, in occasione del mercato settimanale del sabato sarà garantito l’accesso fino alla piazza in cui si svolge la manifestazione.

 “Oltre a migliorare la sicurezza stradale – spiega l’assessore alla Mobilità, Enrico Pizza – con questo intervento conseguiamo anche obiettivi di sostenibilità. Questo perché posizioneremo lampade di ultima generazione ad alto risparmio energetico e con un orientamento volto a ridurre l’inquinamento luminoso”. Le lampade sostituite, infatti, sono a sodio ad alta pressione, con una potenza che varia dai 70 ai 150 watt ciascuna. I nuovi impianti, che prenderanno il posto dei vecchi lampioni a lampade fluorescenti e a vapori di mercurio, consentiranno inoltre di ridurre il flusso luminoso e, conseguentemente, la potenza assorbita nelle fasce orarie di minor traffico.

 Ma i nuovi punti luce consentiranno da un lato una maggiore prestazione e al contempo un notevole risparmio energetico. Il totale della potenza assorbita dall’attuale impianto di illuminazione è di 15.490 W, mentre quello nuovo sarà di 16.675 W. Nonostante l’incremento, però, per effetto della nuova tipologia di lampade e della riduzione del flusso luminoso si ottiene come risultato un risparmio annuo pari a 17.471 kWh.

 “Un modo efficace – conclude Pizza – per coniugare sicurezza, sostenibilità ambientale e risparmio economico per tutti i cittadini. Se poi si considera il fatto che in un periodo di crisi economica come quella che stiamo vivendo, il Comune investe denaro per l’esecuzione di tante opere, significa dare anche un’opportunità di lavoro a moltissime persone, mettendo in moto l’economia non soltanto relativa al singolo lavoro, ma a tutto l’indotto”.