Lunedì 15 marzo per le scuole e sabato 23 per tutti

Il rifugio antiaereo del giardino
del Torso si mostra alla città

Per l’occasione verrà distribuito ai visitatori un libretto realizzato
dal Comune di Udine con la collaborazione dell'Archivio di Stato

Il rifugio antiaereo del Giardino del Torso apre le sue porte a tutti i visitatori. Sabato 23 marzo dalle 15 alle 17, infatti, uno dei pochi bunker rimasti della Seconda guerra Mondiale sarà visitabile a tutti i cittadini grazie anche al supporto del personale del Comune di Udine e di quello dell’Archivio di Stato.Per l’occasione verrà distribuito ai visitatori un libretto realizzato dal Comune di Udine con la collaborazione dell’Archivio di Stato, che ricostruisce il momento storico e la realizzazione dei rifugi di Udine. Sarà presente il personale dell’Archivio di Stato che accompagnerà i visitatori, accolti presso la sala del Cism (ingresso dall’interno del giardino), in una suggestivo percorso sotterraneo.

Ma il rifugio antiaereo, sarà anche oggetto, lunedì 18 marzo alle 10, di una visita specifica dedicata agli alunni della scuola media Marconi, coinvolti in una suggestiva esperienza didattica studiata assieme con gli insegnanti. Verranno utilizzati documenti originali tratti dagli archivi della prefettura che riguardano la protezione antiaerea  e materiali originali di proprietà del  Museo Pro Palmanova.  Dopo questo primo “collaudo” l’esperienza verrà riproposta alle scuole che ne faranno richiesta.

Anche la Ludoteca sta preparando per il prossimo anno scolastico, sempre per le scuole secondarie di primo e secondo grado, un percorso didattico dal titolo “Area bombing” che propone la visita al rifugio antiaereo del giardino del Torso per riscoprire, attraverso immagini, oggetti ed effetti sonori la vita quotidiana dei cittadini udinesi durante gli eventi della seconda guerra mondiale.