L'archimandrite Melnychuk
ha incontrato il sindaco Honsell

Il parroco della comunità
ortodossa a palazzo D’Aronco

Scopo della visita l'individuazione di un luogo di preghiera
in città per i circa 2 mila ortodossi russi della provincia di Udine

Nei giorni scorsi il sindaco di Udine, Furio Honsell, ha ricevuto a palazzo D’Aronco il parroco della comunità russa ortodossa di Udine, l’archimandrite Volodymyr Melnychuk, per affrontare il tema del futuro dei fedeli ortodossi a Udine. “Abbiamo interessato il sindaco – spiega Melnychyk – rispetto alla possibilità di trovare un luogo in città dove le persone possano riunirsi in preghiera”. Insieme con l’archimandrite Melnychuk hanno partecipato all’incontro anche Sergio Soroka, presidente del consiglio della parrocchia, e Ioulia Voronko, presidente dell’associazione culturale “Unità”, che unisce tutti i fedeli provenienti dell’ex Urss residenti in provincia di Udine. Sul territorio provinciale vivono attualmente circa 2 mila ortodossi, provenienti soprattutto da Russia, Ucraina, Moldavia e Giorgia.

Da oltre 13 anni l’associazione svolge tante attività rivolte a migliorare l’integrazione e la reciproca conoscenza tra i popoli con festival, corsi di lingua russa, serate a tema, mostre e concerti. Per due anni e fino al 28 febbraio scorso la comunità ortodossa veniva ospitata nella Cappella della Casa delle missioni dei padri Lazzariti, in via Marangoni. Terminata la disponibilità di questo luogo attualmente e non è ancora stata trovata un’alternativa. “Ho raccolto le esigenze della comunità ortodossa – spiega il sindaco Honsell – e ora valuteremo cosa si potrà fare anche rispetto alla possibilità di individuare un terreno per l’eventuale costruzione di una chiesa ortodossa a Udine. Certamente un’opportunità per loro potrebbe essere rappresentata dalla caserma Osoppo quando saranno disponibili gli spazi del complesso”.