Sabato 22, alle 11 al Museo Etnografico

Procne e Filomela, la solidarietà
tra donne vince sulla violenza

L’attrice Rita Maffei protagonista della performance collettiva “Con lettere purpuree”
ispirata al mito raccontato da Ovidio nelle Metamorfosi

Filomela, violentata dal marito di sua sorella Procne, il re della Tracia Tereo, sebbene fosse stata privata della lingua affinché nessuno conoscesse il gesto dell’uomo, riuscì comunque a comunicare l’accaduto alla sorella tessendone le immagini su una tela. Procne, per vendetta, fece a pezzi suo figlio Iti e lo diede in pasto a Tereo.Secondo il mito, i personaggi ripresi da Ovidio nelle sue Metamorfosi, furono poi tramutati dagli dei rispettivamente in usignolo e rondine, mentre Tereo in un’upupa.

È ispirata a questo mito la performance collettiva “Con lettere purpuree”, in scena sabato 23 novembre, alle 11 al Museo Entografico del Friuli in via Grazzano, all’interno del ricco programma di iniziative che il Comune di Udine  ha organizzato intorno al 25 novembre, Giornata Mondiale contro la violenza sulle donne.

A leggere il testo in cui espressione artistica, in questo caso l’arte tessile, la solidarietà tra donne e la parola vincono sulla violenza di un tiranno, sarà l’attrice Rita Maffei, che darà vita alla performance con un gesto simbolico al telaio, seguito dalla partecipazione attiva delle artiste e scrittrici dell’associazione Donne Arte Ricerca Sperimentazione (Dars) che hanno curato la messinscena.

L’arazzo che verrà creato durante lo spettacolo, poi, diventerà un work in progress a disposizione dei visitatori del museo per una intera settimana e sarà poi donato alla Casa delle Donne di via Pradamano a testimonianza della volontà  di attenzione  alle dinamiche di genere, di denuncia dei soprusi contro le singole persone e intere comunità, di promozione  di azioni adeguate alla prevenzione.

Come maestra al telaio sarà presente l’artista Gina Morandini, mentre Marina Giovannelli, dopo i saluti dell’assessore comunale con delega alle Pari Opportunità, Cinzia Del Torre, introdurrà alla narrazione del mito.

La mattinata, a ingresso libero, è stata organizzata grazie al contributo del Comune, alla collaborazione della Commissione Pari Opportunità e dei Civici Musei e alla sponsorizzazione tecnica dell’associazione “Le Arti Tessili” di Maniago.