La cerimonia di consegna lunedì
2 luglio a palazzo D’Aronco

I ragazzi di F@bbricotta
nominati “cavalieri dell’orto”

Premiati i ragazzi con un’onorificenza per il loro
impegno dimostrato nell’orto urbano di via Bariglaria

Chi li ha visti e accompagnati in questo percorso dice che sono riusciti a fare quello che “gli abili non hanno fatto”. È anche, e soprattutto per questo loro impegno che lunedì 2 luglio il sindaco di Udine, Furio Honsell e l’assessore alla Pianificazione Territorioale, Mariagrazia Santoro, hanno voluto insignire sette di loro dell’onorificenza di “cavalieri dell’orto”. Stiamo parlando dei ragazzi di F@bbricotta, il centro diurno per ragazzi con disabilità gestito dalla cooperativa sociale Hattiva Lab. Ragazzi che hanno gestito non solo il loro orto urbano di via Bariglaria, ma hanno aiutato anche tutti gli altri assegnatari dell’appezzamento di terra dato in concessione dal Comune a privati cittadini, associazioni e scuole.

“L’associazione – spiega il sindaco – svolge un ruolo molto importante per la nostra comunità nell’assistere tanti cittadini. Per questo – prosegue – abbiamo voluto consegnare loro un riconoscimento per l’impegno dimostrato nella coltivazione dell’orto urbano, una delle iniziative che hanno riscosso tanto successo presso le varie associazioni udinesi, in particolare quelle che si occupano di assistenza alle fasce più deboli della popolazione”.

Solenni le motivazioni scritte sull’attestato. “Visto l’articolo 1, comma 4, delle Linee guida per la concessione e l’uso degli orti urbani – si legge nella pergamena –; visto il costante impegno nelle attività svolte con la Cooperativa sociale onlus Hattiva Lab; visto lo spirito di partecipazione, collaborazione ed aggregazione dimostrato, conferisce l’onorificenza di Cavaliere dell’Orto”.

“Uno degli scopi principali per cui abbiamo fortemente voluto che in città sorgessero gli orti urbani – spiega l’assessore Santoro – è soprattutto per lo spirito di aggregazione sociale e partecipazione dei cittadini che il progetto riveste. Spirito che questi volonterosi ragazzi hanno saputo cogliere alla perfezione, raccogliendo la sfida di prendersi cura non solo del loro orto, ma anche di quello di tutti gli altri. I ragazzi – conclude – sono stati anche preziosi testimonial per la realizzazione del secondo orto urbano a Sant’Osvaldo, dove hanno portato la loro esperienza nel corso di un incontro pubblico e hanno così reso possibile la nascita degli orti anche in quel quartiere della città”.

Alla cerimonia erano presenti anche la presidente di Hattiva Lab Paola Benini e i responsabili delle attività della F@bbricotta, oltre ai responsabili dell’ufficio Agenda21 del Comune di Udine.