Mercoledì 3 febbraio alle 18 in sala Ajace

I “Due racconti ottomani”
di Cristiano Caracci

Agli “Incontri con l’autore” lo studioso udinese
sarà introdotto da Mario Turello

caracciNel ’400 l’invasione turca dell’Occidente interessò anche alcune colonie e territori delle repubbliche marinare di Genova e Venezia. Un capitolo interessante della storia d’Italia è al centro del nuovo volume dell’esperto e studioso udinese Cristiano Caracci Due racconti ottomani edito lo scorso anno dalla “SBC Communication” di Ravenna. L’occasione per conoscere l’ultima fatica letteraria di Caracci, introdotto dal professor Mario Turello, è mercoledì 3 febbraio alle 18 in sala Ajace, all’interno del tradizionale appuntamento de gli “Incontri con l’autore” organizzato dalla biblioteca civica “Joppi” e dall’assessorato alla Cultura del Comune di Udine.

In “Due racconti ottomani”, suddiviso in “La dolorosa perdita del Levante” e “Mezzaluna d’Istria”, si racconta la tragedia delle colonie genovesi del Mar Nero e dell’Egeo dopo la caduta di Costantinopoli e l’invasone turca dell’Istria e del Friuli, territori delle Repubblica di Venezia, riferite con grande pathos dagli immaginari protagonisti. Nel primo dei due “racconti”, ambientato in Crimea, un notaio genovese assiste agli ultimi giorni di libertà della città di Caffa prima di far ritorno, in un tribolato e avventuroso viaggio, a Genova. Protagonisti del secondo sono, invece, i profughi istriani e friulani che cercano scampo dagli eserciti turchi e trovano precario rifugio nelle campagne. Alla loro vicenda si unisce quella di un giovane turco che si affianca a loro per raggiungere Ragusa, città alleata all’Impero ottomano. Due storie diverse, ma unite dallo stesso tema. Due racconti “forti” e ricchi di suggestioni.

Cristiano Caracci, avvocato libero professionista, è nato a Udine, dove vive, nel 1948. È autore di diverse pubblicazioni tra cui un compendio della storia di Ragusa (Dubrovnik) “Né turchi né ebrei, ma nobili ragusei”, “La luce di Ragusa”, romanzo ancora ambientato a Ragusa, oltre ad articoli storici e giuridici.