[:it]L’inaugurazione della mostra sul grande artista udinese giovedì 8 aprile in castello[:fu]La inaugurazion de mostre sul grant artist udinês joibe ai 8 di Avrîl in cjistiel

I Civici Musei rendono omaggio
a “Odorico Politi ritrovato”I museus civics a fasin onôr
a “Odorico Politi ritrovato”

[:it]Le opere, che si trovavano a palazzo Antonini,
sono state trasferite in deposito triennale ai Civici Musei di Udine[:fu]Lis oparis, che a jerin in palaç Antonini,
a son stadis trasferidis in dipuesit trienâl ai Museus Civics di Udin

I rapporti di collaborazione tra enti pubblici e privati in fatto di patrimonio storico-artistico possono produrre spesso frutti interessanti. Lo dimostra “Odorico Politi ritrovato. Gli affreschi di palazzo Antonini”, la nuova esposizione organizzata dal Civici Musei udinesi che verrà inaugurata presso il Salone del Parlamento nel Castello di Udine giovedì 8 aprile 2010 alle 18.

I rapuarts di colaborazion tra ents publics e privâts in fat di patrimoni storic artistic, dispès a puedin dâ risultâts interessants. Lu dimostre “Odorico Politi ritrovato. Gli affreschi di palazzo Antonini”, la gnove esposizion organizade dai museus civics udinês che e vignarà inaugurade li dal Salon dal Parlament intal Cjistiel di Udin joibe ai 8 di Avrîl dal 2010 aes 18.00.

Quando alla fine di novembre dello scorso anno, la Banca d’Italia ha chiuso la sua filiale udinese di palazzo Antonini ha deciso, su suggerimento della Soprintendenza regionale per i Beni storici, artistici ed etnoantropologici, di trasferire in deposito triennale ai Civici Musei i tre affreschi staccati di Odorico Politi (Udine, 1785 – Venezia, 1846) che ornavano uno gli uffici di rappresentanza al piano nobile dell’edificio. A seguito dei lavori di ristrutturazione cui palazzo Antonini fu sottoposto dal 1977 per porre rimedio ai danni causati dal sisma, le opere furono staccate dalle pareti di una delle stanze al pianoterra dell’edificio per essere collocate su supporti mobili che ne permettessero il trasferimento negli ambienti del piano nobile allo scopo di garantirne una migliore conservazione. Da quel momento, per ovvie ragioni di sicurezza legate all’attività della banca, la loro visione rimase riservata ad un pubblico ristretto di appassionati e studiosi d’arte, che ben conoscevano la storia di quegli affreschi eseguiti da Odorico Politi intorno al 1818 nel palazzo di proprietà dei conti Rambaldo e Francesco Giacomo Antonini, innalzato nel Cinquecento su progetto di Andrea Palladio proprio all’inizio di borgo Gemona.

In occasione dell’avvenuto deposito presso i Civici Musei si è deciso di collocare i dipinti nel tratto finale del percorso permanente della Galleria d’Arte Antica in Castello per offrire loro nuova visibilità e sottolinearne così l’importanza nel contesto storico e artistico cittadino della prima metà dell’Ottocento, quali imprescindibili documenti di stile e di gusto di un’epoca ancora poco nota al grande pubblico. La mostra, che rimarrà aperta dal 9 aprile al 27 giugno 2010, costituirà, dunque, l’occasione per presentare alla cittadinanza il nuovo allestimento espositivo, destinato ad accogliere gli affreschi che saranno affiancati da altre testimonianze riguardanti il pittore friulano Odorico Politi, uno dei maggiori interpreti, in ambito locale, delle poetiche neoclassiche.

Dopo una prima formazione compiuta all’Accademia di Belle Arti di Venezia, l’artista si recò nel 1809 a Roma dove entrò in contatto con i circoli artistici facenti capo all’Accademia d’Italia e alla personalità dello scultore Antonio Canova (1757 – 1822), massimo esponente del Neoclassicismo internazionale. Tali contatti permisero all’artista friulano di rendersi partecipe di quella temperie culturale favorendone la diffusione a livello locale dopo il suo rientro a Udine, avvenuto nel 1812. Prima di stabilirsi definitivamente a Venezia dove, dal 1831, assunse la docenza alla cattedra accademica di Pittura, Politi si fermò inizialmente a Udine avviando una serie di imprese decorative ad affresco che rimangono, ancora oggi, tra gli esempi più significativi di tal genere in ambito udinese.

Tra di esse, si annovera l’intervento a palazzo Antonini, concluso prima del 1825, dove realizzò tre scene raffiguranti Ulisse e Nausicaa tratta dall’Odissea omerica, cui si affiancavano Diotima a colloquio con Socrate e Alcibiade scoperto da Socrate nel Gineceo, episodi questi ultimi ispirati alla vita del filosofo greco. I tre dipinti, concepiti come quadri riportati su una parete e racchiusi da cornici a stucco, avrebbero dovuto far parte di un ciclo più ampio di cui oggi non si conserva memoria. Essi appaiono declinati in eleganti e sobri equilibri compositivi e sono contraddistinti da forme nitide e da una pittura orchestrata su pochi toni fondamentali che testimonia la loro ascendenza neoclassica.

La mostra, come detto, sarà visitabile fino al 27 giugno nella Galleria d’Arte antica del Castello di Udine dal martedì alla domenica dalle 10.30 alle 17 (fino al 30 aprile) e dalle 10.30 alle 19 fino al 27 giugno (lunedì chiuso).            Per informazioni: PuntoInforma 0432 414 717/718Cuant che ae fin di Novembar dal an passat, la Bancje di Italie e à sierât la sô filiâl udinese di palaç Antonini e à decidût, su propueste de Sorintendence regjonâl pai Bens storics, artistics e etnoantropologjics, di trasferî in dipuesit trienâl ai Museus Civics i trê afrescs distacâts di Odorico Politi (Udin, 1785 – Vignesie, 1846) che a ornavin i uficis di rapresentance tal plan nobil dal edifici. Dopo dai lavôrs di ristruturazion che a son stâts fats in palaç Antonini dal 1977 par rimedeâ i dams causâts dal sisme, lis oparis a son stadis distacadis dai mûrs di une des stanziis al plantiere dal edifici par jessi colocadis su supuarts mobii che a permetessin il trasferiment intai ambients dal plan nobil in mût di garantî une conservazion miôr. Di chel moment, par resons naturâls di sigurece leadis ae ativitât de bancje, la lôr vision e je restade risiervade a un public ristret di apassionâts e studiôs di art, che a cognossevin ben la storie di chei afrescs fats di Odorico Politi tor dal 1818 intal palaç di proprietât dai conts Rambalt e Francesc Jacum Antonini, fat sù intal Cinccent su progjet dal Palladio propit al inizi di borc Glemone.

In ocasion dal dipuesit li dai Museus Civics si è decidût di colocâ lis pituris intal trat finâl dal percors permanent de Galarie di Art Antighe in Cjistiel par ufrîur une gnove visibilitât e sotlineâ cussì la impuartance intal contest storic e artistic de citât de prime metât dal Votcent, tant che documents impressindibii di stîl e di gust di une epoche ancjemò pôc cognossude al grant public. La mostre, che e restarà vierte dai 9 di Avrîl ai 27 di Jugn dal 2010, e sarà, duncje, la ocasion par presentâ ae citadinance la gnove preparazion espositive, destinade a dâ acet ai afrescs che a saran metûts dongje di altris testemoneancis che a rivuardin il pitôr furlan Odorico Politi, un dai interpretis plui grancj, in ambit locâl, des poetichis neoclassichis.

Dopo une prime formazion ae Academie di Bielis Arts di Vignesie, intal 1809 l’artist al è lât a Rome, dulà che al è jentrât in contat cui circui artistics che a fasevin riferiment ae Academie di Italie e ae personalitât dal scultôr Antonio Canova (1757 – 1822), esponent massim dal Neoclassicisim internazionâl. Chescj contats a àn permetût al artist furlan di cjapâ part a chê temperie culturâl favorint la difusion a nivel locâl, une volte tornât a Udin, intal 1812. Prime di fissâsi in maniere definitive a Vignesie dulà che, dal 1831, al à cjapât la docence ae catidre academiche di Piture, Politi si è fermât in principi a Udin inviant une serie di impresis decorativis a afresc che a restin, ancjemò vuê, in ambit udinês, tra i esemplis plui significatîfs di chest gjenar.

Tra di lôr, si conte l’intervent a palaç Antoni, concludût prime dal 1825, dulà che al à fat trê senis che a figurin, une Ulìs e Nausicae gjavade de Odissee omeriche,  Diotime a colocui cun Socrat e Alcibiat cjatât di Socrat intal Gjineceu, chescj ultins episodis ispirâts ae vite dal filosof grêc. Lis trê pituris, concepidis tant che cuadris ripuartâts suntun mûr e insuazadis di curnîs a stuc, a varessin vût di fâ part di un cicli plui grant che vuê no si conserve memorie. A aparissin declinâts in ecuilibris compositîfs elegants e austêrs e a àn formis netis e une piture struturade su pocjis tonalitâts fondamentâls che e testemonee la lôr assendence neoclassiche.