Udine aderisce alla manifestazione di Legambiente,
Fiab e Città in bici in programma il prossimo 11 maggio

Giretto d’Italia,
Udine prova a centrare il bis

L’amministrazione comunale aderisce anche al “Manifesto Salva Ciclisti”,
la campagna lanciata dal Times di Londra per la mobilità sicura sulle due ruote

Dopo la “maglia rosa” dello scorso anno Udine ci riprova e punta a recitare da protagonista anche nella seconda edizione del “Giretto d’Italia”, il campionato nazionale della ciclabilità urbana in programma venerdì 11 maggio e promosso da Legambiente, Federazione Italiana Amici della Bicicletta e Città in Bici. Anche quest’anno, quindi, il capoluogo friulano sfiderà gli altri comuni italiani in una gara tra città della stessa dimensione che hanno sostenuto le più interessanti ed efficaci strategie per la diffusione dell’uso della bici come mezzo di trasporto.

n particolare la sfida consiste nel contare quanti ciclisti passano attraverso dei varchi prescelti dal Comune partecipante: quanti più ciclisti passano, tanti più punti incamera la città e tante più probabilità ci sono di scalare la classifica del Giretto. Nei punti indicati – nella scorsa edizione vennero scelti tre varchi in via Gemona, via Poscolle e via Manin – saranno presenti degli addetti che conteranno quante bici passano (le bici generano punti positivi) e quante auto passano (le auto generano punti negativi). Gli autobus non generano punti.

Lo scorso anno, per la prima edizione dell’iniziativa, Udine si classificò al primo posto nella categoria “piccole città” d’Italia. Il capoluogo friulano si aggiudicò la sua maglia rosa con il 39,8% degli spostamenti in bicicletta, superando in percentuale persino Ferrara, nota come città delle biciclette. “Al di là dei risultati e delle classifiche, che l’anno scorso ci hanno premiato – sottolinea Pizza –, la cosa più importante è promuovere una cultura dell’utilizzo sicuro della bicicletta come mezzo di trasporto urbano. Ringrazio sin d’ora Legambiente e Fiab per il fondamentale impegno garantito alla realizzazione dell’iniziativa”.

Sempre nell’ambito delle iniziative dedicate alla mobilità sostenibile sulle due ruote, l’amministrazione comunale ha deciso di aderire al “Manifesto Salva Ciclisti”, la campagna lanciata dal Times di Londra, condivisa da vari enti locali italiani e sfociata in un una proposta di legge firmata da 61 tra deputati e senatori. “Vogliamo sostenere e promuovere una mobilità sostenibile e sicura per tutti – spiega Pizza –  sensibilizzando gli automobilisti , ma anche i ciclisti e i pedoni, al rispetto delle regole della strada. Rispetto alle altre città partecipanti, che hanno scelto di appoggiare la manifestazione attraverso il proprio sindaco, Udine aderisce collegialmente con una delibera di giunta da me proposta”.