Nell’ambito di una convenzione
del Comune con l’università di Udine

Giovani e lavoro, al via
nuovi tirocini per 17 neolaureati

Gli stage formativi, per i quali il Comune erogherà in’indennità mensile di 300 euro,
avranno una durata di sei mesi per un impegno pari a 20 ore settimanali

Dalle politiche di genere ai musei cittadini, dalla pianificazione territoriale allo Sportello unico Attività produttive. Sono solo alcuni degli uffici del Comune di Udine in cui nelle prossime settimane opereranno i primi 17 tirocinanti selezionati dall’amministrazione comunale nell’ambito di una convenzione con l’università di Udine. Un accordo che permetterà al Comune di attivare, nel biennio 2014-2015, un totale di 40 tirocini aperti agli studenti dell’ateneo friulano. A dare il benvenuto ai nuovi tirocinanti, che presteranno servizio in Comune per sei mesi con un impegno di 20 ore settimanali, è stato l’assessore all’Innovazione, Gabriele Giacomini, nel corso di un incontro avvenuto giovedì 27 marzo nella sala del Popolo di palazzo D’Aronco. Gli stage formativi avranno una durata di sei mesi per un impegno pari a 20 ore settimanali. Diversi gli uffici comunali che hanno chiesto di potersi avvalere del supporto dei nuovi tirocinanti: Pianificazione territoriale, Politiche di genere, Civici Musei, servizio Appalti, servizio Finanziario, Sportello unico Attività produttive, dipartimento Politiche finanziarie, Centro servizi per stranieri, Politiche giovanili e Progetti europei.

“Come avevamo annunciato in campagna elettorale – sottolinea il sindaco di Udine, Furio Honsell – cerchiamo di sostenere l’inserimento dei giovani nel mondo del lavoro anche in collaborazione con altri importanti enti. Questo piano di tirocini permetterà ai giovani laureati di sperimentare direttamente la realtà professionale di una pubblica amministrazione nell’ambito di un percorso formativo che potrà essere molto utile dal punto di vista dell’orientamento professionale”. Ai tirocinanti sarà corrisposta un’indennità mensile di partecipazione di 300 euro, coperta grazie a uno stanziamento del Comune di 36 mila euro per quest’anno, con la possibilità di un ampliamento dei fondi a disposizione per il 2015. Per la prima volta l’amministrazione comunale si è dotata di un piano di tirocini pagati con un rimborso spese, come prevede la riforma Fornero. All’ateneo friulano spettano invece le incombenze relative alla copertura assicurativa Inail e per la responsabilità civile verso terzi.

“In un momento in cui i giovani hanno molte difficoltà a trovare un’occupazione – sottolinea l’assessore Giacomini – un pacchetto di tirocini come questo costituisce un ponte di speranza. Un’opportunità che riguarda tutti i laureati che hanno conseguito il diploma di laurea da meno di un anno. Da un lato – continua – il Comune di Udine tende la mano alle giovani generazioni, offrendo loro con questa iniziativa una possibilità di primo impiego. Dall’altro lato energie fresche porteranno competenze nuove e aggiornate all’interno dell’amministrazione, seguendo progetti specifici e innovativi. In questo modo – conclude – le competenze assimilate sul territorio, in particolare all’interno della nostra università, non di disperdono magari trasferendosi in un’altra città, ma possono contribuire alla crescita di Udine”.



Tags: