Sabato 12 marzo in via del Sale

Giardini del Torso,
inaugurata la ludoteca comunale

I nuovi spazi dedicati al gioco sono stati inaugurati insieme alla mostra
“Relazioni platoniche”, un' iniziativa inserita nel programma della “Festa del Pi greco”

Uno spazio ludico-culturale dove i bambini possono sperimentare e trasformare il gioco in cultura scientifica. Si potrebbe presentare così la nuova ludoteca cittadina di via del Sale, inaugurata sabato 12 marzo insieme con l’apertura della mostra “Relazioni platoniche”, iniziativa inserita nel programma della “Festa del Pi greco”.

L’apertura di uno spazio riservato al gioco e all’attività ludica è diventata realtà grazie a un intervento progettato dal dipartimento Infrastrutture del Comune di Udine, che con un investimento da 755 mila euro ha recuperato un immobile adiacente al giardino del Torso. L’edificio, sul quale sono stati eseguiti lavori di ristrutturazione, di sistemazione esterna e di rifacimento dell’impiantistica, si struttura su tre livelli caratterizzati da ampie sale open space adatte a ospitare attività ludiche.

“Siamo particolarmente soddisfatti di inaugurare un’opera così importante – sottolinea il sindaco di Udine Furio Honsell – e di dare casa alla ludoteca comunale, così come avevo promesso in campagna elettorale”. La recuperata struttura, che ospiterà un ricco catalogo di libri e di giochi (dai giochi per famiglie a quelli di logica e strategia, da quelli di parole a quelli di carte), potrà giovarsi anche della presenza dei giardini adiacenti, mettendo a disposizione dei frequentatori della ludoteca spazi interni ed esterni. “Per migliorare ulteriormente la fruibilità dell’area verde – spiega l’assessore alla Qualità della città Gianna Malisani – a breve interverremo sul giardino con lavori di sistemazione della loggetta e dei bagni”. Una volta conclusa la mostra la ludoteca comunale avrà un’apertura quotidiana con un orario ancora da definire e sarà gestita dal personale del Ludobus e dagli animatori del Comune.

Già da questo weekend, però, gli spazi “ludici” di via del Sale saranno animati dalla mostra “Relazioni platoniche”, un’esplorazione del mondo dei poliedri e delle loro simmetrie e relazioni. Il percorso, che espone innumerevoli modelli di poliedri ed è curato dall’università Cattolica del Sacro Cuore di Brescia in collaborazione con il liceo scientifico Leonardo di Brescia e ForMATH Project di Bologna, coinvolge il visitatore in una dinamica interattiva, meccanica e luminosa: veri e propri giocattoli matematici creati per illustrare in modo spettacolare e intuitivo le proprietà geometriche ed estetiche dei poliedri. Su prenotazione saranno organizzate visite guidate per le scuole secondarie di primo e secondo grado. L’esposizione, che resterà aperta al pubblico con ingresso gratuito fino al 24 marzo (orario di apertura da martedì a domenica dalle 15 alle 18), è anche il primo appuntamento con la “Festa del Pi greco”, l’originale ricorrenza che il 14 marzo di ogni anno onora la scienza e la matematica.

Festa del Pi greco. Per il terzo anno consecutivo il capoluogo friulano partecipa a questa manifestazione internazionale con un ricco calendario di iniziative tra giochi, film e spettacoli in programma tra il 12 e il 17 marzo. Si spazia dalla “Sfida all’ultima cifra”, la gara di Pi greco a memoria (lunedì 14 marzo alle 15 in sala Ajace), al film Agorà, trasmesso dal cinema Visionario alle 21 del 14 marzo, fino ai “Giochi di logica giganti”, in programma giovedì 17 marzo dalle 15 alle 18 nella nuova ludoteca di via Del Sale. Il momento clou dell’iniziativa si avrà però lunedì 14 marzo alle 10.30 nell’ellisse di piazza Primo Maggio, dove si tenterà di stabilire il record mondiale per la sequenza umana del Pi greco. Un migliaio di studenti delle scuole udinesi saranno impegnati a realizzare la sequenza numerica di Pi greco indossando la maglietta con la cifra corrispondente, con l’obiettivo di stabilire il record mondiale di sequenza umana del Pi greco. La caccia al primato sarà anche l’occasione per mostrare agli alunni delle scuole cittadine i fuochi geomet            rici dell’ellisse di Giardin Grande. A tutti i partecipanti saranno fornite gratuitamente le magliette. L’evento è realizzato in collaborazione con la sezione di Udine di Mathesis ed è sponsorizzato dal Gruppo Despar – Eurospar – Interspar.

Sempre lunedì 14 marzo alle 15 in sala Ajace torna la Gara di pi greco a memoria. Anche quest’anno non poteva mancare infatti la “Sfida all’ultima cifra”, la gara che premia chi riesce a recitare con il solo ausilio della funzione mnemonica il maggior numero di cifre decimali del pi greco che, per definizione, è un numero irrazionale e trascendente, con un numero infinito di cifre dopo la virgola (3,1415926535…). Attualmente il record mondiale riconosciuto dal Guinness dei primati appartiene al cinese Lu Chao che nel novembre 2005 ha recitato a memoria ben 67.890 cifre del pi greco, in 24 ore e 4 minuti. Senza pensare di raggiungere tali mirabolanti risultati, la gara udinese è aperta a tutti coloro che simpaticamente vogliono mettersi alla prova, in particolare agli studenti delle scuole di ogni ordine e grado. Nel corso del pomeriggio, in collaborazione con l’istituto Stringher, verrà offerto ai partecipanti uno spuntino con dolci ispirati al Pi greco.

Alle 17 sala Ajace ospiterà Enrico Munini, docente di matematica del liceo scientifico Marinelli, che terrà una conferenza sul tema “Pi greco e dintorni”, realizzata in collaborazione con Mathesis sezione di Udine. Alle 21 tutti al cinema Visionario, dove in collaborazione con il Centro espressioni cinematografiche (CEC) è in programma la proiezione, a ingresso gratuito, del film “Agorà”, una pellicola ispirata alla figura di Ipazia, matematica, astronoma e filosofa vissuta ad Alessandria d’Egitto a cavallo tra il IV e V secolo dopo Cristo.

Domenica 13 marzo nella sala dei ricevimenti di palazzo D’Aronco dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18 si svolgerà il “Gran Prix Italiano 2011 di Othello – Open Città di Udine”, torneo organizzato dalla Federazione Nazionale Gioco Othello.

Giovedì 17 marzo il Ludobus terrà infine compagnia a grandi e piccoli tutto il pomeriggio, dalle 15 alle 18, nella nuova ludoteca comunale di via del Sale, con giochi di logica giganti: Quarto!, Pylos, Quixo, Quoridor, Gobblet, Katamino, Blokus, Scacchi. Per tutta la durata della manifestazione le librerie cittadine sono invitate ad allestire le proprie vetrine sul tema della matematica, con particolare riferimento agli aspetti ricreativi e divulgativi della materia. Per informazioni: Comune di Udine – ufficio Ludobus (tel. 0432 271677/756) o Puntoinforma, via Savorgnana 12 (tel. 0432 474717/718).

“Udine, anche attraverso l’associazione Giona, è capofila italiana della “Festa del Pi greco” – spiega Honsell – che è nata a San Francisco e che abbiamo lanciato nel capoluogo friulano nel 2009 come prima iniziativa del genere organizzata direttamente da un ente locale in Italia, per promuovere la sensibilità e la cultura scientifica e matematica nella cittadinanza”. L’iniziativa è realizzata dall’ufficio Ludobus del Comune di Udine in collaborazione con la sezione di Udine di Mathesis, la Federazione nazionale gioco “Othello”, il Centro espressioni cinematografiche (C.E.C.) e il gruppo Despar. “Lo scopo – ha spiegato Honsell, che è anche presidente di Giona, l’associazione nazionale delle “Città in gioco” che conta 20 fra città e province in tutta Italia – è coinvolgere tutte le fasce della popolazione facendo cogliere l’aspetto ludico, ma non troppo, della matematica. C’è sempre più bisogno di cittadini consapevoli e capaci di usare gli strumenti del pensiero scientifico e matematico”. Lanciato nel 1988 dall’Exploratorium di San Francisco, il grande museo americano della scienza, il Pi Day celebra il numero più famoso e misterioso del mondo matematico con una serie di giochi, musiche, filmati ed altre iniziative tutte ispirate al π (pi greco). “Dalla prima partecipazione – spiega l’assessore alle Politiche giovanili Kristian Franzil – il numero dei partecipanti è cresciuto in modo notevole, a testimonianza del fatto che queste iniziative sono molto apprezzate”.