Venerdì 16 luglio alle 18.30
in sala Ajace per UdinEstate

Gianmario Villalta presenta
Pierluigi Cappello

Appuntamento con l’ultimo libro del poeta friulano “Mandate a dire
all’imperatore”, entrato nella terna dei vincitori del premio Viareggio

Appuntamento con la poesia venerdì 16 luglio, alle ore 18.30 in sala Ajace a Udine. Di scena, per gli incontri letterari di UdinEstate 2010, l’ultimo libro del poeta friulano Pierluigi Cappello “Mandate a dire all’imperatore”. Il volume, composto da una quarantina di liriche e da un poemetto conclusivo, sarà presentato assieme all’autore dallo scrittore pordenonese Gianmario Villalta.

Pubblicato solo un paio di mesi fa, il libro di Cappello pubblicato da “Crocetti Editore” con postfazione di Eraldo Affinati, ha subito attratto l’attenzione dei lettori e della critica, tanto da entrare nelle terna finale vincitori del prestigioso Premio Viareggio.

In questa sua ultima fatica Cappello, ribaltando la prospettiva del racconto di Kafka “Il messaggio dell’Imperatore” immagina che sia l’Imperatore, simbolo del Potere, a ricevere una missiva. Un messaggio inviatogli da qualcuno – un eremita? un poeta? -, che rivendica alla parola quel “peso”, quella portata valoriale che proprio il Potere ha destituito di senso e ha cercato di sottrarre agli individui,  privandoli di tutto ciò che di bene e sicuro, ad esempio, rappresenta il passato

Nato a Gemona nel 1967, ma originario di Chiusaforte, dove ha trascorso la fanciullezza, Pierluigi Cappello ha compiuto gli studi superiori a Udine, e ha frequentato la facoltà di Lettere presso l’Università di Trieste. Nel 1999 assieme a Ivan Crico ha ideato, e diretto per diverso tempo, La barca di Babele, una collana di poesia edita dal Circolo Culturale di Meduno, che accoglie autori noti dell’area friulana, veneta e triestina. Attualmente vive a Tricesimo dove scrive e dove è impegnato in un’intensa attività artistica e di diffusione della cultura anche nelle scuole e all’università. Varie e significative sono le iniziative culturali sviluppate in Friuli che fanno capo a questo poeta, legate alla poesia, alla saggistica, al teatro. Numerosi i premi nazionali vinti con i suoi libri di versi e citati di seguito. Per Il me Donzel ha ricevuto i premi Città di San Vito 1999 e Lanciano-Mario Sansone 1999, quest’ultimo ex aequo con Bianca Dorato. Con Dittico, che comprende poesie inedite in friulano e in italiano, ha vinto il Premio Montale 2004.

Nel 2006 ha pubblicato quasi tutte le raccolte delle sue poesie in Assetto di volo, a cura di Anna De Simone, con introduzione di Giovanni Tesio, Crocetti Editore, Milano. Per questo libro ha vinto il Premio Nazionale Letterario Pisa; il premio Bagutta Opera Prima 2007, il Premio San Pellegrino 2007, il Premio Speciale della Giuria “Lagoverde 2010”.



Tags: