In vista dello spostamento della Galleria a Casa Cavazzini

La Gamud restaura le opere
prima del trasloco

Al lavoro le esperte Emanuela Querini e Simonetta Gherbezza che hanno riportato
all’originale splendore molte sculture delle collezioni del ’900

01_04 RESTAURI Emanuela_Querini,_particolari_fasi_del_restauro3È un vero e proprio cantiere di restauro quello in corso alla Galleria d’Arte Moderna di Udine. Già dall’inizio di quest’anno, infatti, si lavora alacremente su alcune sculture appartenenti alle collezioni del Novecento, in vista anche del loro prossimo spostamento nella nuova sede della Gamud in Casa Cavazzini.Con il sostegno della Regione e la supervisione della Soprintendenza,  è stato quindi possibile avviare un’ampia campagna di manutenzione e di restauro affidata alle mani esperte di Emanuela Querini e Simonetta Gherbezza.

Tra le opere di maggior prestigio oggetto dell’intervento si scoprono le ceramiche di De Chirico, i bronzi “Sorpresa” di Arturo Martini e il “Cavallino” di Marcello Mascherini, e soprattutto le opere di Dino e Mirko Basaldella. Particolari interventi hanno poi interessato le sculture dei fratelli Basaldella, dalla “Cancellata” delle Fosse Ardeatine di Mirko, a “Lo squalo”, scultura in legno di Dino, sofferente da tempo a causa di un attacco di insetti e fessurazioni naturali. Sono state inoltre stuccate e integrate numerose fratture e lacune soprattutto nelle zone di congiuntura dei diversi pannelli che compongono l’opera in gesso “Pannello plastico”. Anche il “Leone di Damasco” del 1954 di Mirko Basaldella ha subito un trattamento particolare consistente nel risanamento di  abrasioni e fratture che avevano danneggiato la scultura.

Ma anche alcune opere della collezione Astaldi sono state coinvolte dai lavori. In particolare le due ceramiche di De Chirico “Cavallo” e “Pietà”, la terracotta dei “Musicanti” di Neri Pozza e la scultura in bronzo “Sorpresa” di Arturo Martini.

Le opere maggiormente problematiche verranno invece restaurate in laboratorio e torneranno poi in Galleria per trovare una giusta collocazione all’interno del percorso museale della Gamud, e in previsione della loro esposizione al pubblico in occasione della XII Settimana della Cultura, che nella giornata di lunedì 19 aprile vedrà da parte delle restauratrici e di Isabella Reale, conservatore del museo, una visita guidata e un’ampia illustrazione dei restauri effettuati sui capolavori della scultura conservati dalla Galleria d’Arte Moderna di Udine e restituiti all’ammirazione del pubblico.

Per informazioni è possibile contattare il museo di via Ampezzo telefonando allo 0432 295891 o inviando una mail all’indirizzo gamud@comune.udine.it







Tags: