Ok della giunta ai criteri organizzativi
e al bando per la ricerca di sponsor

Friuli Doc, riparte
la macchina organizzativa

Si iniziano a vagliare le proposte musicali:
i gruppi interessati possono inviare il proprio curriculum

Si rimette in moto la macchina di Friuli Doc, la “vetrina” del comparto agroalimentare friulano. La XVI edizione si svolgerà dal 16 al 19 settembre e avrà come tema l’area del Friuli centrale e delle risorgive, il territorio che si trova nel cuore della regione.

La giunta ha dato l’ok sia ai criteri che stabiliscono le modalità organizzative sia alla pubblicazione dell’avviso di manifestazione di interesse per i privati che fossero interessati a presentare proposte di sponsorizzare o offerte di collaborazione per qualche iniziativa di Friuli Doc. Pregi srl, in sinergia con l’Amministrazione comunale, si occuperà anche quest’anno della progettazione, del coordinamento e della gestione del programma artistico della manifestazione, ha già iniziato a vagliare nuove proposte musicali ed artistiche che andranno ad inserirsi nel ricco programma di spettacoli ed appuntamenti previsti nei quattro giorni della manifestazione.

L’organizzazione. L’organizzazione sarà la stessa degli anni passati e prevede il coinvolgimento attivo e il finanziamento diretto da parte di enti e associazioni per le proprie iniziative (ad esempio, Camera di commercio, Confartigianato, Ersa, territorio ospite dell’edizione, ecc.). Come nelle passate edizioni, anche quest’anno l’ufficio comunale per le Attività turistiche avrà i compiti di organizzazione della manifestazione, di coordinamento generale delle iniziative finanziate o realizzate direttamente dagli enti e dalle associazioni partecipanti, oltre alla gestione dei rapporti con l’Agenzia regionale turismo Fvg, ente preposto alla programmazione, progettazione e indirizzo dello sviluppo del sistema turistico regionale.

Gli spazi. Gli organizzatori di attività collaterali, d’accordo con l’ufficio comunale Attività turistiche, avranno la concessione gratuita delle strutture immobili del Comune (Casa della Contadinanza, Salone del Parlamento, sala ed antisala Ajace, Chiesa di San Francesco, Casa della Confraternita, ecc…), nonché l’occupazione gratuita di piazza Libertà per attività di tipo esclusivamente istituzionale alla realtà tema dell’edizione. Le modalità di utilizzo di piazza Duomo invece saranno definite d’intesa con il parroco della Chiesa di Santa Maria Annunziata. In merito alle piazze, per ora sicuramente l’Ersa occuperà piazza Matteotti per promuovere e valorizzare i prodotti tipici dell’agroalimentare, visto che piazza XX Settembre per questa edizione non potrà essere utilizzata. L’occupazione degli altri spazi sarà definita in seguito, ma si ipotizza la possibilità di utilizzare via Gemona, via Aquileia o via Poscolle. “È una formula vincente e consolidata – sottolinea l’assessore alle Attività turistiche e al Commercio, Vincenzo Martines – che vede un sempre maggiore coinvolgimento tra le varie Istituzioni cittadine, cercando di anno in anno anche di migliorare e rinnovare le proposte culturali artistiche e musicali che animano la manifestazione”.

Il programma artistico. Dal pop al folk, dal jazz alla classica e al musical. E, ancora, funk, rock, swing, latino, etno e molto altro saranno questi i suoni della colonna sonora della prossima edizione con molte novità. Per questo al fine di accontentare tutte le tipologie di pubblico e dare spazio a nuove proposte, i gruppi musicali e artistici della regione che, magari, non hanno mai partecipato alla manifestazione possono inviare un loro curriculum via mail contenente le informazioni necessarie per selezionare le varie proposte quali tipologia di spettacolo, genere musicale e repertorio, numero di componenti del gruppo, schede tecniche, eventuali esperienze, recapiti, eventuale link demo. “Ci proponiamo di soddisfare qualsiasi “palato”, anche il più esigente, dando spazio anche a nuovi artisti – sostiene Renato Pontoni di Pregi srl – purché compatibili con il tipo di manifestazione, con le location e con il budget a nostra disposizione. Punteremo anche quest’anno tuttavia sulla qualità degli spettacoli che consideriamo un fattore importante per la migliore riuscita dell’evento”. Possono inviare le loro proposte non solo gruppi musicali ma anche, bande, cori, giocolieri, animazione da strada, spettacoli per bambini e attrazioni varie. Il materiale richiesto potrà esser inviato via mail a turismo@comune.udine.it e a spettacoli.friulidoc@gmail.com o via posta a: Comune di Udine – U. O. Attività Turistiche via Lionello 1 –33100 Udine.