Pronta la mappa dei trasporti in occasione della kermesse

Friuli Doc 2013 all’insegna
della mobilità sostenibile

Messo a punto un piano della mobilità con l’obiettivo di incoraggiare l’uso dei mezzi pubblici,
ampliare l’offerta nelle strutture a pagamento e agevolare l’utilizzo dei park scambiatori

Biglietto speciale per l’autobus, aperture prolungate dei parcheggi in struttura e potenziamento della linea ferroviaria Udine-Cividale e dei servizi nei parcheggi scambiatori, oltre ad un’area dedicata ai parcheggi riservati ai disabili in largo Ospedale Vecchio (Tribunale).In vista della XIX edizione di Friuli Doc il Comune di Udine e l’assessorato alla Mobilità, di concerto con quello al Turismo, e grazie alla preziosa collaborazione di Ssm, Saf, Ferrovie Udine-Cividale e il gruppo comunale della Protezione Civile di Udine che presiederà l’area 24h su 24, hanno messo a punto il piano dei trasporti e dei parcheggi, con l’obiettivo di incoraggiare l’uso dei mezzi pubblici, ampliare l’offerta di sosta nelle strutture a pagamento e rendere più agevole l’utilizzo dei parcheggi scambiatori.

Dopo il successo delle passate edizione torna anche quest’anno il biglietto speciale per gli autobus. “Con il normale biglietto dell’autobus da 1,20 euro – spiega l’assessore alla Mobilità, Enrico Pizza – sarà possibile circolare da venerdì a domenica per ben sei ore, grazie alla disponibilità della Regione che ha autorizzato il prolungamento della validità del ticket. Come dire – prosegue – che cittadini e turisti avranno a disposizione tutti gli autobus della città per godersi la manifestazione. Grazie allo sforzo delle società delle mobilità e dei trasporti – conclude –, miriamo ad un Friuli Doc all’insegna della sostenibilità, fermo restando che spesso, per i cittadini che possono farlo, è molto più comodo muoversi a piedi o in bici”.

Sempre sul fronte dei trasporti anche quest’anno viene riproposta la formula sperimentata con successo nelle ultime edizioni con l’ampliamento degli orari (si arriva fino all’1.30 di notte per la linea 9 diretta al parcheggio dello stadio dove è attiva anche una biglietteria speciale della Saf) dei principali tragitti di autobus urbani, in particolare le linee 1, 2, 4 e 5, oltre al 9 che collegherà i grandi parcheggi scambiatori della Fiera e dello Stadio Friuli fino in città e la linea 7 che, per l’occasione, viaggerà anche la domenica da Godia fino alla Stazione. Senza contare il collegamento ferroviario Udine-Cividale, che con il via libera della Regione sarà potenziato nei giorni di Friuli Doc nelle corse serali (fino alle 23.33 venerdì e domenica e fino all’1.33 sabato).

Per chi volesse, invece, arrivare con la propria auto dentro il ring cittadino, come gli anni scorsi, oltre ai parcheggi blu a raso a pagamento, saranno a disposizione i vari parcheggi in struttura (oltre a quelli a raso). Tutte le strutture gestite da Sistema Sosta e Mobilità (Moretti, Andreuzzi, Caccia, Magrini, Venerio e Tribunale) saranno aperte fino a tarda notte, per consentire di parcheggiare la propria auto senza preoccupazioni di riprenderla entro l’orario di chiusura. I sei park, infatti, resteranno aperti in entrata (uscita garantita h24) fino all’una di giovedì e domenica e fino alle quattro del mattino di venerdì e sabato. A questi si aggiunge la struttura in via del Vascello aperta 24 ore su 24 e a pagamento dalle 8 alle 20 (domenica gratuito). Come sempre, infine, saranno a disposizione i parcheggi gratuiti di via Chiusaforte, del Teatro Nuovo e dello Stadio.

“Friuli Doc – conclude Pizza – deve essere sostenibile e rispettoso. Questo vuol dire che per quanto riguarda Comune, Saf, Ssm e Fuc, tutti hanno messo a disposizione la più ampia possibilità di offerte per raggiungere la manifestazione in sicurezza e tranquillità. Per questo motivo – avverte – la polizia locale garantirà il rispetto delle regole anche tramite un carroattrezzi per la rimozione dei mezzi che intralceranno la circolazione o che ostruiranno strisce pedonali, passi carrai o parcheggi riservati ai disabili”.