Oltre 1.200 ingressi per le mostre
del Comune di Udine nel week end

Ferragosto in città,
boom di visitatori ai musei

Domenica 15 registrati 793 ingressi: 349 all’esposizione
sul Tiepolo in Castello e oltre 400 alla Galleria Tina Modotti

Pieno il museo del Castello per la mostra sul Tiepolo, affollata la Galleria Tina Modotti all’ex mercato del pesce per l’esposizione fotografica sull’industrializzazione in Friuli e numerosi visitatori anche alla Galleria d’arte moderna, in attesa della nuova sede a Casa Cavazzini. Complessivamente sono stati 1.212 i visitatori che nel week end di Ferragosto hanno visitato mostre e musei aperti a Udine

, 793 dei quali soltanto domenica 15 agosto. Due anni fa gli ingressi si erano fermati a 600. “Sono ottimi risultati – sottolinea l’assessore alla Cultura, Luigi Reitani – che dimostrano quanto siano state opportune e felici le scelte dell’Amministrazione comunale in materia culturale e quanto in particolare sia apprezzata la grande mostra sul Tiepolo”. Soddisfazione anche da parte del sindaco Furio Honsell: “Udine si conferma città accogliente anche a Ferragosto e per tutti i mesi estivi sia per i residenti sia per i turisti – sottolinea -. C’è infatti una grande risposta per l’offerta culturale e ci sono anche tanti turisti che in questo mese stanno visitando Udine e dimostrano di apprezzare gli eventi proposti”.

Ai Civici Musei del Castello le presenze sono state 560, di cui 349 nella sola giornata di Ferragosto. Friulani e turisti hanno dimostrato di apprezzare la mostra “Giambattista Tiepolo tra scherzo e capriccio. Disegni e incisioni “di spiritoso e saporitissimo gusto”, l’esposizione che, per chi non lo ha ancora fatto, sarà visitabile fino al 31 ottobre. Un picco di presenze nella giornata di Ferragosto, a conferma comunque di un buon trend di visitatori per la mostra sul Tiepolo che, su 75 giorni di apertura, a partire dallo scorso 22 maggio, ha registrato finora complessivamente 5.829 visitatori, con una media di oltre 77 ingressi al giorno. “A due mesi e mezzo dalla chiusura della mostra – evidenzia Reitani – abbiamo già abbondantemente superato la soglia minima di 5 mila visitatori, che era quella che avevamo ipotizzato all’inizio”.

Boom di presenze anche alla galleria Tina Modotti per l’esposizione fotografica, a ingresso libero, curata dai Civici musei, “Dall’atelier alla fabbrica. Fotografie dell’industrializzazione in Friuli 1905-1960”: nel week end di ferragosto la mostra ha registrato 600 ingressi, dei quali 419 domenica 15 agosto. La mostra rimarrà aperta fino al 29 agosto e ospita 150 fotografie dai Fondi Pignat e Brisighelli della Fototeca, che documentano l’industrializzazione in città e nel territorio con opifici e realtà produttive, lavoratori, macchinari, strumenti da lavoro, prodotti, inaugurazioni, anniversari, pubblicità, periodici e cartoline d’epoca. Bene anche la Galleria d’arte moderna in via Ampezzo che, in attesa di essere trasferita nella prestigiosa sede centrale di Casa Cavazzini, ha registrato complessivamente 52 ingressi. Qui i visitatori hanno potuto ammirare la mostra personale di Massimo Poldelmengo “Negli spazi del sacro”, in esposizione nella sala didattica fino al 30 agosto.